Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Il Social Network Influence Designer


Il Social Network Influence Designer
22/09/2012, 09:20

L'Osservatorio SNIF, promosso dal Centro ICT di Ateneo dell'Università degli Studi di Salerno e dalla Direzione Studi, Ricerca e Formazione dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, in collaborazione con il Consorzio Poli.Design, la School of Management del Politecnico di Milano e Viadeo ha organizzato la scuola estiva “Social Summer School SNIF-SNID” sul Social Influence Design. Il corso si è svolto dal 17 al 21 settembre 2012 presso il Campus Universitario di Fisciano. La Social Summer School offre un elevato profilo di innovazione e di utilizzo della comunicazione web-based. Suo scopo primario, infatti, è la creazione di una nuova figura professionale capace di destreggiarsi facilmente nel campo della comunicazione evoluta che si fonda sulle reti. In pratica, la Social Summer School si prefigge di offrire uno spaccato su come diventare un professionista o uno startupper dell’influence design nel territorio dell’Italia Meridionale e nei Paesi dell’area MED. Il Social Network Influence Designer sarà un nuovo professionista specializzato nel progettare, coordinare e monitorare la comunicazione negli emergenti e sempre più complessi contesti tecnologici come Social Network e Mobile, nell’interazione tra imprese, istituzioni e relativi utenti finali, quali clienti, consumatori, cittadini, pazienti, tifosi e abbonati che hanno scoperto il modo di farsi sentire. Il gruppo dei docenti proviene dal Consorzio Poli.Desing e dalla School of Management del Politecnico di Milano, dall’Università degli Studi di Salerno, dall'Università degli Studi di Napoli Federico II e da importanti imprese del settore. Testimonial di eccezione, nonché promotori del corso, la SMS Engineering, insieme a Telecom Italia e Netgroup. In particolare, l'ing. Francesco Castagna, CEO di SMS engineering, ha tenuto un seminario dal titolo "Social Network e modelli di revenue: scenario attuale e tendenze future".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©