Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

L'evento al centro Congressi della Federico II di Napoli

''Impresa possibile'', premiazione Start Up 2010


''Impresa possibile'', premiazione Start Up 2010
21/05/2010, 14:05

NAPOLI - La IV edizione del premio “Start Up dell’Anno” organizzato dall’associazione PNI Cube si è tenuta oggi al centro Congressi Federico II di Napoli nell’ambito del convegno “Impresa Possibile” Ha vinto Genefinity srl, azienda spin off dell’Università degli Studi di Trieste che opera nel settore dei film sottili per applicazioni in settori tecnologicamente all’avanguardia come quello dei biosensori, dei sistemi RFID e dei sistemi fotovoltaici. Tra le applicazioni concrete dell’azienda che da qui al 2012 prevede di incrementare il fatturato fino a superare la soglia degli 800mila euro e che attualmente lavora principalmente con l’estero (Stati Uniti, la Germania Regno Unito, Taiwan, Giappone), ci sono tastiere flessibili, monitor flessibili, e-paper ma anche strisce monouso per l’analisi della glicemia e analisi del DNA che permettono di rilevare predisposizioni a malattie genetiche con particolare riferimento alle patologie cardiache. Molteplici anche le applicazioni in ambito fotovoltaico (tenda da campeggio fotovoltaica ma anche abbigliamento). “Siamo bravi tecnici e fino ad oggi abbiamo puntato sul prodotto. Grazie a questo premio potremmo iniziare a dedicarci anche alla parte commerciale – ha affermato Francesca Antoniolli, trentunenne ingegnere dei materiali che si è laureata all’università di Trieste e insieme a cinque colleghi ha fondato l’azienda nel 2006 – e lo faremo partendo dalla Silicon Valley”.

Per i vincitori del premio per la migliore azienda innovativa nata nell’ambito della ricerca pubblica che abbia compiuto la fase di start-up e che abbia conseguito il maggior successo di mercato e le migliori performance tecniche e di sviluppo, non solo un premio simbolico di 5mila euro ma soprattutto 6 mesi di mentoring, coaching e networking gratuito presso il Mind the Bridge GYM in Silicon Valley con la possibilità di accedere ad un vasto network di partner finanziari e industriali, presso l'incubatore Plug&Play Center di Redwood City in California. Nella giuria che li ha decretati vincitori c’erano operatori di venture capital e responsabili di R&D di grandi imprese interessati ad investire o acquisire innovazione tecnologica. “L’azienda ha vinto innanzitutto per il potenziale che ci abbiamo visto – ha spiegato Andrea Aparo, scientific advisor di Finmeccanica in giuria oggi a Napoli – perché ha una valida componente imprenditoriale e perché pensiamo possa ricavare tanto da un’esperienza all’estero come quella che è in palio. Inoltre, elemento di grande valore, è composta da persone giovani”.

In gara c’erano dieci finaliste, selezionate tra le società costituite nel 2006 che abbiano partecipato ad una delle business plan competition associate a PNI Cube (l’associazione che raggruppa gli incubatori di impresa universitari italiani e si occupa di politiche di trasferimento tecnologico) che abbiano usufruito dei servizi di uno degli incubatori universitari partner o che siano spin-off universitari (cioè aziende fondate da un ricercatore di un’Università partner con il supporto o l’approvazione dell’Università stessa).

Main sponsor dell’evento era Microsoft che, in contemporanea a Start Up dell’Anno, ha consegnato il premio Imagine Cup a giovani studenti dell’Università di Napoli che con il progetto LIFT 4U hanno ideato il modo per rendere efficace il sistema di car sharing grazie a software Microsoft per pc e telefoni cellulari. Per loro 25mila dollari e la possibilità di partecipare alla finale mondiale che si terrà a Varsavia del premio Imagine Cup dal 3 all’8 luglio prossimo.

PNICube è un' associazione che riunisce gli incubatori e le business plan competition (denominate Start Cup) accademiche italiane. L’associazione ha l’obiettivo di stimolare al nascita e accompagnare al mercato nuove imprese ad alto contenuto di conoscenza di provenienza universitaria. Oltre al PNI, l’associazione PNICube è promotrice dell’evento Start Up dell’Anno che premia la giovane impresa Hi-Tech che ha conseguito il maggior successo di mercato.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©