Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Incidenti sul lavoro: Amato, priorità è legge su sicurezza


Incidenti sul lavoro: Amato, priorità è legge su sicurezza
01/06/2010, 12:06


NAPOLI - "Basta chiamarli incidenti o morti bianche, le morti sui luoghi di lavoro: sono la barbarie della democrazia". Lo afferma il consigliere regionale del PD Antonio Amato, commentando il decesso dell'operaio travolto oggi a Bagnoli da un muro di contenimento crollato in un cantiere.  "La morte di Paolo Castiglione, a Bagnoli, chiama in causa la responsabilità di tutti - continua -, dalla politica ai datori di lavoro, dalle associazioni di categoria agli operai. La provincia di Napoli, in Italia, è fra quelle che, ancora nel 2008, secondo il rapporto annuale dell'Inail, faceva registrare un cospicuo aumento degli incidenti mortali sui luoghi di lavoro. Un dato allarmante se confrontato a quelle delle altre province italiane. Le forze politiche, innanzitutto, si diano una mossa". "Il 'gruppo per la sicurezza sul lavoro' del Consiglio Regionale della Campania, al termine dell'iniziativa 'viaggio nei luoghi di lavoro per la salute e la sicurezza', che ha visto coinvolte l'Anmil, le associazioni datoriali e quelle sindacali, nei mesi scorsi - continua - ha promosso un documento dal quale é scaturita una proposta di legge che io stesso ho depositato". "Si prevede - aggiunge Amato - la revoca dei contratti stipulati nelle procedure di affidamento dei contratti pubblici, laddove si riscontrino violazioni delle norme in materia di salute e sicurezza, il divieto per i destinatari di provvedimenti revocatori di contrarre appalti con le amministrazioni aggiudicatrici nei cinque anni successivi al provvedimento di revoca, l'estensione degli obblighi di sicurezza e le relative sanzioni anche al subappalto, la valutazione dell'offerta anche in ragione di misure ulteriori o migliorative per la sicurezza e la salute del lavoratore". "Una legge che contempla - si legge ancora nella nota - non solo aspetti sanzionatori, ma individua la tutela preventiva quale funzione deterrente, e prevede la promozione della cultura della sicurezza sia sui luoghi di lavoro, sia nelle scuole. Ora il nuovo consiglio ponga questa legge tra le sue priorità". "E valuti - conclude Amato - la possibilità, anzi la necessità di istituire un'apposita commissione d'inchiesta sugli incidenti sui luoghi di lavori. Finché ci saranno ancoradecessi sui luoghi di lavoro saranno sempre troppi".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©