Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Indennità ritiro ortofrutticoli. Ferrara (Unimpresa); "regolamento inutile e farsesco"


Indennità ritiro ortofrutticoli. Ferrara (Unimpresa); 'regolamento inutile e farsesco'
14/07/2012, 08:07

“L’approvazione del regolamento (che verrà pubblicato tra la fine di luglio ed i primi di agosto) che modifica le procedure relative ai ritiri dal mercato dei prodotti ortofrutticoli sembra una farsa”.
E’ il giudizio di Emilio Ferrara, segretario generale di Unimpresa Agricoltura.
“Mesi di lavoro, incontri e consultazioni della Commissione Europea hanno prodotto un regolamento che, oltre a non avere alcun effetto rilevante per la prevenzione e gestione delle crisi, lascia dubbi sulle motivazioni dei ritocchi dei prezzi di ritiro di alcuni prodotti e non di altri per i quali tutti i soggetti interessati, dalle rappresentanze delle imprese al ministro delle Politiche agricole, erano d’accordo – spiega Ferrara - . Non parliamo poi del fatto che per il pomodoro c’è addirittura una divisione differenziata per periodo di ritiro tanto che, tanto per fare un esempio un kg di pomodoro ritirato il 31 maggio avrà un’indennità di 0,275 euro mentre un kg dello stesso pomodoro, dello stesso appezzamento, ritirato il 1 giugno, il giorno dopo, avrà un’indennità di soli 0,075 euro”.
Ferrara chiede che ci siano differenziazioni solo tra le produzioni in coltura protetta e quelle in pieno campo “e non solo per il pomodoro, e continuiamo a chiedere che la determinazione dei prezzi di ritiro venga fatta attraverso la definizione dei reali costi di produzione e non senza criteri certi come è avvenuto anche stavolta”.
“Vorremmo onestamente che ci dicessero apertamente questa metodologia chi vuole avvantaggiare, di certo non le produzioni di qualità italiane – conclude il segretario generale di Unimpresa Agricoltura - Purtroppo il mandato del commissario Ciolos continua ad avere questa impronta di apparente approssimazione nel tentativo, ormai nemmeno più tanto velato, di avvantaggiare alcune regioni europee a danno delle aree di eccellenza dell’Europa mediterranea”.


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©