Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

Iniziano le scuole in Italia, ma non per 75 milioni nel mondo


Iniziano le scuole in Italia, ma non per 75 milioni nel mondo
11/09/2009, 10:09


Lunedì 14 settembre per gli studenti di 13 regioni italiane ripartono le scuole, ma 75 milioni di bambini lunedì non potranno dire “presente!” perché non hanno accesso all’istruzione primaria.
Per loro Terre des hommes (TDH) ha rilanciato la Campagna per l’istruzione globale “I0sonopresente” (www.iosonopresente.it): una sfida che - per il terzo anno consecutivo -l’organizzazione lancia a tutti coloro che credono nel valore dell’istruzione. Attraverso la scuola infatti, non solo si costruiscono le basi per lo sviluppo dei paesi, ma si offrono ai bambini protezione dalla violenza e dagli abusi, cure mediche, consapevolezza dei proprio diritti e un futuro concreto. “Un dato spesso sottovalutato – dice Raffaele Salinari, presidente di Terre des hommes – è che un bimbo che nasce da una mamma che sa leggere e scrivere ha il 50% di possibilità in più di sopravvivere oltre i 5 anni Insomma, l’istruzione fa davvero bene alla vita di un bambino”. Terre des hommes chiede a tutti gli italiani di mettersi in gioco per promuovere questo diritto fondamentale di ogni bambino in un modo coinvolgente e innovativo: “mettendoci la faccia”.
Tutti gli internauti che vorranno mobilitarsi potranno essere presenti semplicemente registrandosi e caricando la propria immagine sul sito “www.iosonopresente.it”, contribuendo così a creare una community responsabile che, attraverso gesti molto semplici, darà valore alla difesa dei diritti dell’infanzia. Ogni utente registrato potrà poi continuare la sua azione di portavoce invitando altri amici, usando l’innovativo widget interattivo personalizzabile che si aggiornerà automaticamente col numero di amici invitati, potrà scaricare il photokit per creare il proprio set fotografico e invitare “IOsonopresente” alle proprie feste o in ogni momento passato con gli amici. Il filo conduttore di IOsonopresente sarà, non a caso, la storia di Ariel, una bambina nicaraguense che, grazie ai sostenitori di Terre des Hommes, può cambiare la sua vita. I navigatori potranno leggerne la storia sul sito www.iosonopresente.it vivere una sua mattina tipica grazie a un video. Ma, soprattutto, potranno aiutarla, esaudendo i suoi piccoli desideri e sostenendo la sua passione per lo studio. La campagna di sensibilizzazione sarà ospitata all’interno di diversi eventi che toccheranno le città di Milano (17 settembre, c/o Milano Film Festival – sezione Colpe di Stato), Torino ( 13 e 23 settembre, c/o Festival MITO SettembreMusica) e Trieste (10 e 11 ottobre c/o Barcolana). Queste sono solo le prime tappe della campagna che proseguirà nei prossimi mesi.
Informazioni di base: “Io sono presente” aderisce alla Global Campaign for Education, un'iniziativa internazionale che si svolgerà con differenti modalità ed iniziative in vari continenti. Nel mondo sono ancora 75 milioni (dati UNESCO) i bambini che non vanno a scuola, e quindi sono destinati a un futuro di povertà e abusi. Dei bambini esclusi da scuola un terzo sono disabili, quasi il 60% sono bambine e più della metà vivono in paesi dove ci sono guerre o conflitti. La crisi finanziaria dell'ultimo anno ha portato molti dei governi occidentali che avevano sottoscritto gli Obiettivi del Millennio a tagliare i fondi per la cooperazione allo sviluppo e l'istruzione nei paesi in via di sviluppo. L'Italia ha dimezzato il budget 2009, nonostante gli impegni presi in sede internazionale. Non solo: la crisi ha messo in ginocchio molti paesi del Sud del mondo, e i primi bilanci a saltare sono spesso quelli per l'istruzione. Così il raggiungimento dell'istruzione primaria universale entro il 2015 (secondo Obiettivo del Millennio) rischia di diventare sempre più un miraggio. La costante attenzione e mobilitazione di organizzazioni come Terre des Hommes e del grande pubblico attraverso campagne intende far pressione sui governi a destinare più risorse all'istruzione, fattore fondamentale per lo sviluppo. Terre des hommes (TDH) Italia onlus è una organizzazione non governativa che si occupa di aiuto diretto all'infanzia in difficoltà nei Paesi in via di sviluppo, senza discriminazioni di ordine politico, etnico o religioso. Nata nel 1989 e diventata fondazione nel 1994, TDH Italia oggi è presente in 22 paesi di tre continenti con quasi 90 progetti di aiuto umanitario d’emergenza e di cooperazione internazionale allo sviluppo, con programmi in settori quali salute di base e protezione materno-infantile, educazione di base, formazione professionale, protezione dei bambini di strada ed in conflitto con la legge, promozione dei diritti umani, attività generatrici di reddito e sviluppo delle risorse naturali.
TDH Italia fa parte della Terre des hommes International Federation (TDHIF), lavora in partnership con ECHO ed è accreditata presso l’Unione Europea e l’ONU. Per ulteriori informazioni consultare il sito www.terredeshommes.it

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©