Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Integrazione A2A - Edipower, le dichiarazioni di Tarantini e Zuccoli


Integrazione A2A - Edipower, le dichiarazioni di Tarantini e Zuccoli
27/12/2011, 15:12



 Milano, 27 dicembre 2011 - "Siamo molto soddisfatti per l’esito delle trattative che, a conclusione di un percorso complesso e articolato, hanno portato ad un grande risultato per l’industria energetica italiana in generale e, in particolare, per A2A e i suoi soci. Attraverso l’integrazione tra A2A e Edipower e la collaborazione con gli altri soci italiani nasce il secondo operatore nel settore elettrico che, con circa 10mila MW di capacità installata e un efficiente mix produttivo, si posiziona tra i leader europei del settore. Tale operazione, condotta insieme al management di A2A, al quale vanno i nostri più vivi complimenti, rafforza la società e la consolida nel ruolo di maggiore multiutility in Italia. Essa segna un ulteriore passo nel percorso di forte crescita che ha caratterizzato la storia recente del nostro Gruppo e che proseguirà nel prossimo futuro anche attraverso nuove comuni iniziative con i partner italiani. A2A è grata al ministro Passera per il supporto istituzionale fornito in questi ultimi giorni, nell’interesse del sistema industriale italiano". A2A è la multiutility dell’energia, quotata alla Borsa Italiana, nata nel 2008 dall’aggregazione delle storiche società lombarde Aem Milano, Asm Brescia, AMSA ed Ecodeco. Il Gruppo A2A opera principalmente nei settori della produzione, della vendita e della distribuzione di gas e di energia elettrica, del teleriscaldamento, dell’ambiente e del ciclo idrico integrato. Con un fatturato di oltre sei miliardi di euro, più di 2 milioni di clienti e circa 9.350 dipendenti, A2A è uno dei principali player nazionali del settore. A2A ambisce ad essere protagonista anche all’estero grazie all’ormai consolidata attività di trading nelle principali borse elettriche europee, al controllo di Edison (insieme ad EDF), alla partecipazione nella società elettrica EPCG (Montenegro) e all’acquisizione della società francese Coriance, attiva nel settore del teleriscaldamento tramite cogenerazione e geotermia.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©