Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Una folla di fan invade il nuovo centro torinese

Invasione all'Apple Store di Torino, Jobs vince sempre


Invasione all'Apple Store di Torino, Jobs vince sempre
19/09/2010, 16:09

TORINO - La crisi economica, come  sembra confermare il settore hi-tech ed informatico di tutto il mondo, la sentono un po' tutti tranne la Apple di Steve Jobs. La nota azienda americana, infatti, può contare su milioni di affezionatissimi (e spesso deliranti) fan sparsi per il globo. Anche l'Apple Apple Store di Grugliasco, aperto alle 10 di mattina di quest'oggi presso il Centro Commerciale Shopville Le Gru che si trova a Torino, ha infatti subito la letterale invasione degli apple maniaci in cerca dei vari I-Phone 4, iPad, accessori, iPod, Macbook e iMac che si intravedevano dalle patinate vetrine del negozio.
La lunga fila, raccontano numerosi testimoni, si è creata già dal primo pomeriggio di ieri; con centinaia di curiosi che si spintonavano a vicenda tentando di sbirciare attraverso le vetrine dello "store".
Tra l'altro, quello di Torino, con i suoi 300 mq, risulta in assoluto il negozio specializzato più grande d'Italia e si avvia, stando almeno alla prima mole di persone richiamate, ad essere anche il più frequentato. E poco importa se, Jobs in persona, ha personalmente e ripetutamente approvato le condizioni di lavoro disumane dei migliaia di dipendenti della Foxconn; il colosso taiwanese-cinese che è tra i principali produttore di componenti per la mela morsicata e, dettaglio non trascurabile, di recente è balzata ai disonori della cronaca per i numerosi e ripetuti suicidi da parte dei propri impiegati. Poco importa, in ultimo, se un prodotto come l'I-Phone 4 viene proposto ad un costo 2 volte superiore rispetto al suo reale valore commerciale. Gli Apple maniaci, convinti da sempre di essere degli infallibili guru della tecnologia proprio come il "mentore" Jobs, continueranno a chiudere gli occhi e ad parire i portafogli.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©