Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Investire all'estero: le opportunità dell'Irlanda


Investire all'estero: le opportunità dell'Irlanda
30/07/2012, 17:41

Entro il 2016 l'Irlanda punta a diventare il Paese con i maggiori investimenti stranieri diretti.

E i numeri per vincere questa sfida internazionale ci sono tutti. Nel solo 2011  gli investimenti stranieri sono aumentati del 30% ponendo l'Irlanda al 1° posto tra i Paesi in Europa dove è possibile fare business.

L'Irlanda, inoltre, può vantarsi di essere il  1° Paese al mondo per più basse imposte sui redditi di impresa, di avere la più giovane popolazione d’Europa (l'età media è 25 anni), il più basso tasso di inflazione dell'Unione Europea, costi di affitti, personale ed immobili in costante diminuzione già da qualche anno, una politica fiscale basata sulla progressiva diminuzione della pressione fiscale al fine di attirare o trattenere i capitali e favorire gli investimenti.

Questi e tanti altri fattori fanno dell'Irlanda un paese aperto agli scambi commerciali, tanto da essere a tutti gli effetti una  "Trading Nation" all'interno dell'Unione Europea.

In particolare, le maggiori opportunità si registrano per i settori Informatico/ICT, Chimico/Farmaceutico, Finanziario ed Agroalimentare: hanno sede a Dublino 9 delle prime 10 aziende farmaceutiche al mondo, le prime 10 aziende del settore internet, il 50% delle banche mondiali e le 8 tra le top 10 aziende tecnologiche. Per quanto riguarda invece il settore food&beverage, nel 2011 le importazioni in Irlanda sono cresciute del 9% ed hanno raggiunto un valore di 5 miliardi di €.

Le aziende italiane non possono perdere l'occasione di entrare in un mercato così appetibile e sicuro. Favorire lo sviluppo delle aziende italiane sul mercato irlandese e  gli scambi commerciali tra Italia e Irlanda  è la mission della FIBI, Federation of Italian Business in Ireland.

La FIBI è un' associazione di operatori economici italiani ed irlandesi con sede a Dublino e che offre alle aziende italiane la possibilità di entrare subito in contatto con operatori economici irlandesi. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©