Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

Ipia, visita didattica alla casa circondariale di Carinola


Ipia, visita didattica alla casa circondariale di Carinola
14/02/2010, 12:02

MONDRAGONE (CE) - “Conquistate la vita con l’entusiasmo di rispettare le regole”. Questo il messaggio che la direttrice dell’Istituto penitenziale di Carinola Carmen Campi ha rivolto ai venti studenti dell’Ipia, l’Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore “Leonardo da Vinci” di Mondragone, in visita didattica presso la casa circondariale. L’iniziativa si inserisce nell’ambito del progetto “Controvento: educazione alla legalità e alla convivenza civile” che la scuola, diretta dal professor Giovanni Battista Abbate, sta portando avanti dall’ottobre scorso avvalendosi della collaborazione del Comune di Mondragone e del patrocinio della Provincia e del Csa (Ufficio scolastico provinciale).
I ragazzi accompagnati dal fiduciario dell’Ipia Vincenzo Di Vaio e dai professori Giovanna Paolino, Alessandro Prisco, Giuseppe Rizzo e Lina Ventrone hanno incontrato non solo la direttrice ma anche tutto lo staff del penitenziario. L’appuntamento ha previsto una preliminare esposizione delle regole che disciplinano il regime penitenziario: dalle principali attività formative all’organizzazione quotidiana della vita all’interno del circondario, per poi passare agli strumenti che consentono l’avvio di un percorso di autorieducazione e di possibile inserimento sociale di quanti stanno scontando una pena. Quindi, i ragazzi hanno rivolto domande alla dirigente e alla sua equipe, ricevendo risposte esaustive a chiarimento dei loro dubbi.. Al termine della visita didattica gli studenti dell’Ipia hanno ricevuto un attestato di partecipazione rilasciato dal Ministero della Giustizia.
“E’ stata per i ragazzi – ha detto il professor Vaio – un’esperienza molto formativa. Abbiamo aggiunto un altro tassello a questo percorso di legalità che il nostro Istituto ha intrapreso da un po’ di tempo con grande impegno ed entusiasmo”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©