Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Jabil, Spera (Ugl): "Piano industriale presentato a Mise inaccettabile"


Jabil, Spera (Ugl): 'Piano industriale presentato a Mise inaccettabile'
28/09/2011, 13:09

“Il piano industriale presentato oggi da Jabil è inaccettabile, e da rispedire immediatamente al mittente”.

Lo dichiara il vice segretario nazionale dell’Ugl Metalmeccanici, Antonio Spera, al termine dell’incontro al Mse nel corso del quale l’azienda ha annunciato l’intenzione di chiudere lo stabilimento di Cassina, in provincia di Milano, che conta 330 dipendenti.

“Una decisione così drastica - prosegue il sindacalista – deve rappresentare l’ ‘ultima ratio’, e nulla deve rimanere intentato prima di procedere alla cessazione di attività. Da parte nostra, faremo il possibile per evitare tale prospettiva”.

“Rimane la preoccupazione – conclude – anche per i lavoratori dello stabilimento di Marcianise, in provincia di Caserta. Il piano industriale annunciato oggi dall’azienda prevede infatti 20 milioni di investimento per il sito, ma servono garanzie molto solide perché allo stato attuale la fabbrica rimane aperta soltanto 3 giorni al mese”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©