Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

Da Ente Morale a Istituto Professionale

L’ IPIA Casanova festeggia il 150mo anniversario dalla sua fondazione

Omaggio ad Alfonso della Valle Duca di Casanova

.

L’ IPIA Casanova festeggia il 150mo anniversario dalla sua fondazione
11/11/2011, 16:11

NAPOLI – Nei locali dell’ edificio della ex Opera Casanova Ente Morale, oggi Istituto Professionale Alfonso Casanova si festeggiano i 150 anni del plesso scolastico, festa che trova collocazione nei festeggiamenti del 150mo dell’ Unità d’ Italia. Il portone dell’ istituto si apre e ad accogliere i visitatori troviamo gli studenti in abiti d’ epoca, che rievocano quello che un tempo era il lavoro didattico e di avviamento alla professione voluto da Alfonso della Valle Duca di Casanova che si svolgeva tra le mura del complesso. Tutto nacque inizialmente come un istituzione che tendeva a togliere dalla strada i ragazzi ed insegnare loro un mestiere, oggi il progresso e la tecnologia hanno trasformato il Casanova in una delle scuole professionali più accreditate della nostra città. A onorare il secolo e mezzo di attività un convegno dal titolo efficace e che sintetizza alla perfezione lo spirito dell’ Istituto Alfonso Casanova: “La fabbrica del fare”, una giornata ricca di impegni partendo dalla rievocazione storica per poi passare al dibattito cuore della convention. Tra gli intervenuti Diego Bouchè Direttore Generale U.S.R. per la Campania il Vicepresidente della Provincia di Napoli Gennaro Ferrara, l’ Assessore alla scuola e istruzione del Comune Anna Palmieri. Fra i momenti più toccanti della giornata, l’ inaugurazione della Mostra Documentale e della Mostra Bibliografica. Inoltre gli ospiti hanno potuto visitare, fra le diverse organizzate, anche una mostra fotografica ed una dedicata agli strumenti Storici e Moderni utilizzati nei laboratori dell’ istituto; laboratori frequentati ovviamente dagli studenti e nei quali si respira il profumo dei mestieri, delle professioni legati all’ artigianato. Spesso si commette l’ errore di parlare degli istituti Professionali come scuole secondarie di poca importanza, mentre è palese l ‘esatto contrario perché in questi istituti oltre che alla cultura, il comportamento si insegna ai ragazzi anche una professione e come relazionarsi con il mondo del lavoro che li attende appena conclusosi il loro cammino formativo.

Commenta Stampa
di Antonio Sarracino
Riproduzione riservata ©