Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

LA LAUREA NON PAGA: IL LAVORO SI “EREDITA” DAL PADRE


LA LAUREA NON PAGA: IL LAVORO SI “EREDITA” DAL PADRE
29/02/2008, 13:02

In Italia le condizioni lavorative dei laureati rimangono stazionarie: si registrano infatti solo deboli segni di ripresa rispetto alla situazione del 2007, ma solo per quanto concerne il primo ingresso nel mondo del lavoro. Calma piatta, invece, sul medio e lungo periodo. Dal rapporto AlmaLaurea presentato a Catania emerge che, a un anno dalla laurea, sono 53 su 100 i laureati che hanno trovato un’occupazione, mentre, a cinque anni dal conseguimento del titolo, la proporzione è di 85 su 100. I dati riconfermano inoltre la scarsa mobilità sociale: sono sempre più numerosi, infatti, i figli che “ereditano” il mestiere dal padre: così il 44% degli architetti ha un figlio laureato in architettura, il 42% dei laureati in giurisprudenza ha figli che hanno conseguito il medesimo titolo di studio, e le percentuali calano soltanto di poco in riferimento a medici e ingegneri.

Commenta Stampa
di Francesca Pellino
Riproduzione riservata ©

Correlati