Istruzione e lavoro / Formazione

Commenta Stampa

La “Nunziatella” apre le porte al 225° Corso


La “Nunziatella” apre le porte al 225° Corso
06/09/2012, 10:34

Il 5 settembre, il Comandante e Dirigente Scolastico della “Nunziatella”, colonnello Bernardo Barbarotto,  ha dato il benvenuto al 225° corso costituito da 70 Allievi di cui 10 donne. In mattinata gli Allievi e le famiglie sono stati accolti dal team del  “progetto accoglienza” che si prefigge lo scopo di costituire una “rete” educativo-sinergica tra le famiglie e la Scuola, essenziale per  una programmazione e pianificazione educativa avente come obiettivo la crescita armonica dell’Allievo.

 

La Scuola Militare“Nunziatella”, Istituto di formazione più antico d’Europa, trae origine dalla Real Accademia fondata nel 1787 da Ferdinando IV di Borbone. Tra le mura della “Nunziatella” hanno soggiornato, nelle vesti sia di studenti sia di docenti, innumerevoli personaggi che hanno dato lustro alla storia d’Italia. Solo per citarne alcuni, Carlo Pisacane, Francesco de Sanctis, Vittorio Emanuele di Savoia (poi III), Amedeo D’Aosta (Medaglia d’Oro), Guglielmo Pepe. Numerosi ex-allievi nel corso della secolare storia della Scuola  hanno raggiunto posizioni di assoluto rilievo sia in ambito militare, sia nei vari settori della vita sociale e politica del Paese.

La “Nunziatella”, nel corso degli anni, ha conquistato il primato di “Scuola d’elite” a dimostrazione delle alte capacità formative dell’Istituto che opera all’interno della Società e perla Società, diffondendo i valori della competenza, del merito, dell’impegno e della responsabilità e formando la futura classe dirigente del nostro Paese.

Quest’anno all’Istituto  è stato riconosciuto   lo status di “ Patrimonio storico e culturale degli Stati del Mediterraneo”, dall’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo nonché è stato conferito il “Premio Mediterraneo Istituzioni2012”,  tra il più prestigioso a livello mondiale, rappresentato dall’ opera “Totem della Pace” dello scultore Molinari. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©