Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

La SEAT migliora i propri risultati grazie alle esportazioni


La SEAT migliora i propri risultati grazie alle esportazioni
10/04/2012, 10:04

Verona, 4/4/2012 – Le buone performance a livello internazionale hanno permesso alla SEAT di resistere alla crisi che ha colpito il mercato spagnolo nel 2011 e di perseguire con decisione i propri piani di crescita e redditività. La Casa automobilistica ha così superato il traguardo dei 5 miliardi di Euro di ricavi (5.049 milioni, l’8,3% in più rispetto al precedente esercizio finanziario) grazie all’aumento delle esportazioni e al successo dei suoi prodotti. La difficile situazione economica non ha impedito al Marchio del Gruppo Volkswagen di destinare 555 milioni di Euro (7% in più dell’anno scorso) agli investimenti e al settore Ricerca e Sviluppo. Ciononostante il conto economico della SEAT è migliorato di quasi 100 milioni di Euro (+30%), registrando alla fine del 2011 un risultato di -232 milioni di Euro rispetto ai -330 milioni del precedente esercizio. Il risultato dopo le imposte è migliorato di 43 milioni (+41,3%), attestandosi a -61 milioni di Euro. “La SEAT tiene fede agli impegni presi. Abbiamo migliorato tutti i nostri indicatori e quest’anno vogliamo proseguire in questa direzione” ha affermato il Presidente della SEAT James Muir presentando i risultati del 2011. “Il piano che la nostra Azienda sta seguendo è stato stilato in un’ottica mirata alla redditività. Abbiamo continuato ad aumentare i margini e a ottimizzare i costi, e questo ci ha permesso di migliorare i nostri risultati. Inoltre abbiamo assunto più di 1.000 Collaboratori e investito 555 milioni di Euro per consolidare il nostro futuro. Siamo sulla strada giusta” ha sottolineato Holger Kintscher, Vicepresidente esecutivo della SEAT per il settore Finanza e Organizzazione. Incremento di vendite ed esportazioni rispettivamente del 3,1% e dell'11,4% Nel 2011 la SEAT ha consegnato il 3,1% di vetture in più (350.009 unità) in tutto il mondo, nonostante la crisi del mercato, e a fine anno si è confermata leader nelle immatricolazioni in Spagna per il secondo anno consecutivo. La Società ha compensato la recessione del mercato domestico con un incremento dell’11,4% nelle esportazioni, che ora rappresentano quasi l’80% delle consegne totali.

Il rialzo delle esportazioni è stato particolarmente significativo in Germania (+20,9%), Francia (+14,6%), Regno Unito (+9,6%) e Italia (+6,5%). La SEAT ha aumentato la propria quota di mercato nell’Unione Europea, oltre a incrementare le vendite del 35,4% in Messico e del 35,6% in Nord Africa e Medio Oriente. più di 1.000 nuovi Collaboratori Nel 2011 la SEAT ha ampliato e aggiornato la propria gamma di prodotti con il lancio sul mercato spagnolo della Mii, la nuova city car, rientrando in grande stile nel segmento A e ottenendo una più ampia copertura del mercato. Alla Mii, che dalle prossime settimane sarà commercializzata anche negli altri Paesi europei, si sono affiancate la Exeo restyling e la Alhambra 4, che nella versione a trazione integrale è andata ad arricchire l’offerta dell’apprezzata monovolume SEAT. Grazie al successo dei propri prodotti e all’avvio della produzione della Audi Q3, la SEAT ha aumentato del 5,5% l’attività dello stabilimento di Martorell, per un totale di 53.420 vetture prodotte. Questi due fattori hanno permesso non solo di mantenere la totalità della forza lavoro, ma anche di assumere altri 1.000 Collaboratori, diventando così uno dei principali datori di lavoro in Spagna. La SEAT ha anche finalizzato un nuovo accordo collettivo, più moderno e flessibile, che oltre a legare in parte i salari ai risultati aziendali, apre la strada alla creazione di un numero ancora maggiore di posti di lavoro. 2012: un nuovo modello ogni tre mesi La SEAT continuerà ad ampliare la propria gamma con nuovi modelli e entrando in nuovi segmenti, mettendo in atto la più grande offensiva di prodotto in tutta la storia della Marca, grazie a investimenti nel settore Ricerca e Sviluppo che, negli ultimi cinque anni, seppur in periodo di crisi, hanno superato i 2,6 miliardi di Euro. La supercompatta Mii e la nuova Ibiza, la bestseller della SEAT e l’auto più venduta in Spagna, saranno affiancate dopo l’estate dalla nuova Toledo, presentata in anteprima al Salone di Ginevra, e dalla Leon 5 porte, in arrivo entro fine anno. Quest’ultima sarà la prima vettura SEAT a essere costruita sulla base dell'innovativo pianale modulare trasversale (MQB) del Gruppo Volkswagen, che permette di risparmiare su costi e tempi di produzione e contribuisce alla riduzione delle emissioni di CO2. Nuovi mercati, nuovo linguaggio di design per un’ulteriore crescita La SEAT ha dato il via ad attività commerciali in Cina, rafforzando allo stesso tempo la propria presenza in altri mercati emergenti quali Russia e Messico, con la prospettiva di incrementare le vendite e di raggiungere quanto più possibile l’obiettivo della piena capacità produttiva dello stabilimento di Martorell.

I prodotti presentati di recente mostrano un nuovo linguaggio di design, unito a un rinnovamento del DNA del Marchio. Il nuovo look è più moderno, volto a rispecchiare l’intenzione della Casa automobilistica spagnola di abbracciare soluzioni tecnologiche caratterizzate da precisione e qualità; il nuovo motto sarà “Enjoyneering”, una combinazione di piacere di guida (enjoy) e tecnologie all'avanguardia (engineering). Come riassunto dal Presidente della SEAT James Muir: “Quest’anno lancerem o un’offensiva di prodotto senza precedenti, e allo stesso tempo faremo il nostro ingresso ufficiale nel difficile ed entusiasmante mercato cinese. Ci attende un anno di lavoro intenso, su tutti i fronti, e di buone notizie”. *La SEAT compila i propri rendiconti annuali in conformità al Plan general contable español, che non comprende le aziende affiliate. Il Gruppo Volkswagen applica gli International Accounting Standards (principi contabili internazionali - IAS/IFRS), e consolida le cifre del Marchio SEAT.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©