Istruzione e lavoro / Università

Commenta Stampa

Ad architettura una sperimentazione di mobile mapping

La tecnologia di Obama arriva alla Federico II


La tecnologia di Obama arriva alla Federico II
25/11/2009, 09:11

NAPOLI - Si chiama LIDAR ed è una sintesi che sta per Laser Imaging Detection and Ranging, ed è il cuore tecnologico che deve garantire la sicurezza del Presidente degli Stati Uniti Barak Obama quando percorre i tracciati urbani definiti dal protocollo di visita o di rappresentanza. Un sistema che è costituito da alcuni scanner laser 3D, da sofisticate telecamere digitali e da molteplici antenne GPS. Un concentrato delle più recenti tecnologie messe in sincronia per tracciare modelli tridimensionali dello spazio urbano, in modo da avere un apparato di controllo sofisticato per comprendere come migliorare la sicurezza di un percorso e quali possono essere i suoi punti deboli.

Nell'ambito delle attività scientifiche-culturali volte a sviluppare la conoscenza del patrimonio costruito, si segnala, infatti, un'iniziativa che vede la sinergia tra la Facoltà di Architettura dell'Università degli Studi di Napoli Federico II e società internazionali leader nel settore del rilievo tecnologicamente avanzato.

Giovedì 26 novembre alle ore 15,30, presso l'aula Mario Gioffredo di Palazzo Gravina, Facoltà di Architettura, si terrà un incontro scientifico nel corso del quale verranno presentati i primi risultati di una sperimentazione di mobile mapping, scansione laser dinamica da un veicolo in movimento, delle cortine edilizie di un ampio comparto urbano.

All'incontro parteciperanno il Rettore dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, Prof.Guido Trombetti, il Preside delle Facoltà di Architettura di Napoli Federico II, Prof. Claudio Claudi, il Preside della Facoltà di Architettura della Seconda Università, Prof. Carmine Gambardella, l'Assessore all'Edilizia del Comune di Napoli, Prof. Pasquale Belfiore, l'Assessore ai Lavori Pubblici della Regione Campania, Prof. Oberdan Forlenza, il Soprintendente ai Beni Architettonici, Prof. Stefano Gizzi e il Presidente dell'Acen, Ing. Rodolfo Girardi, nonché i responsabili scientifici dell'iniziativa.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©