Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Lavoro: imprese campane in Uganda


Lavoro: imprese campane in Uganda
25/05/2010, 14:05


ROMA - Il Presidente della Camera di Commercio ItalAfrica Centrale e Console in Italia della R.D. Congo Alfredo Carmine Cestari ha incontrato, nella sede di Napoli, l’Ambasciatore della Repubblica di Uganda e membro permanente presso la FAO Deo K. Rwabita in preparazione della imminente missione imprenditoriale organizzata da ItalAfrica centrale a Kampala. “L’appuntamento – spiega Cestari - era finalizzato a creare le migliori condizioni sia per Governo e settore produttivo ugandesi che per le imprese italiane interessate alla internazionalizzazione nella fascia sub sahariana. Al momento sono 15 le imprese campane aderenti che raggiungeranno Kampala”. Fissata la data della missione (luglio), ItalAfrica Centrale ed Ambasciata si rivedranno tra due settimane “perché l’Ambasciatore ha mostrato interesse soprattutto per l’eolico, la trasformazione dei prodotti agricoli e della carne, la filiera del tabacco, la torrefazione, le infrastrutture”. Il presidente Cestari accompagnerà Rwabita in un breve ma intenso tour nella aziende associate di settore di maggiore livello internazionale (al sud tra Napoli, Salerno e la Lucania, al nord tra Modena e Milano) “al fine di far corrispondere in maniera precisa l’offerta alla domanda”. “L’Uganda con i suoi altopiani – dice l’Ambasciatore – è battuta dal vento. Crediamo molto nella produzione di energia da fonti rinnovabili, sull’eolico e sul fotovoltaico. Importate è poi creare in loco la filiera della raccolta, trasformazione e confezionamento: dai prodotti agroalimentari al caffè per finire alla carne di allevamento. Abbiamo inoltre bisogno di recuperare la rete ferroviaria esistente e costruirne di nuove. Oggi l’Uganda, con le sue risorse ed un potenziale mercato interno di 31 milioni di persone, è il Paese delle opportunità per gli occidentali che intendono investire. Aspettiamo a Kampala la delegazione di imprenditori italiani: a disposizione di ItalAfrica Centrale e dei suoi associati ci saranno i ministri competenti per settore”. Tra i settori a maggiore sviluppo in Uganda: produzione di energia alternativa (eolico, fotovoltaico), agroalimentare, trasformazione della carne ed implementazione dell’intera filiera, edilizia residenziale, infrastrutturazione, forniture per il terziario, trasporto su ferro, ospedaliero, laboratorio-medicale, formazione professionale, aeronautico, commercializzazione dei prodotti della foresta, turismo. In espansione, poi, il comparto minerario.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©