Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Legalità e buona organizzazione per un credito più agevole domani seminario all'Unione


Legalità e buona organizzazione per un credito più agevole domani seminario all'Unione
27/05/2013, 16:00

“La legalità e la buona organizzazione facilitano l’accesso al credito. Focus su Rating di Legalità e Modello 231/01” è il titolo del seminario in programma domani, martedì 28 maggio alle ore 14.30, presso l’Unione Industriali, piazza dei Martiri 58, Napoli. L’iniziativa è promossa dall’Associazione imprenditoriale attraverso la Sezione Terziario Avanzato, in collaborazione con l’Associazione Nazionale dei Direttori Amministrativi e Finanziari (Andaf). Lo scopo è dare vita a un importante momento di confronto tra il mondo imprenditoriale, bancario e professionale, in merito all'efficace adozione di modelli aziendali virtuosamente organizzati per migliorare l'accesso al credito bancario e i rapporti con il sistema finanziario. Il seminario ha anche l'intento di mostrare come ogni azienda possa accrescere il proprio merito creditizio attraverso l'adozione di modelli organizzativi efficienti (già richiamati dalla legge 231/01), che migliorano il rating bancario.

Introdurranno i lavori il Presidente della Sezione Terziario Avanzato dell’Unione Industriali di Napoli, Mariano Bruno, e il Presidente di Andaf Campania, Federico Tammaro. Seguiranno le relazioni del Vice Presidente della Sezione Terziario Avanzato dell’Unione, Riccardo Imperiali (La conformità come leva di business - Il Modello Organizzativo 231 come Strumento di Legalità e Sviluppo in azienda), del Consigliere della Sezione Terziario Avanzato dell’Unione, Fabrizio Fiordiliso (La qualità dell’impresa: fattore competitivo nel processo di valutazione  del merito creditizio), del Presidente di Banca di Credito Cooperativo di Napoli, Amedeo Manzo (L’approccio qualitativo del rating di legalità), del Presidente del Comitato Tecnico di Andaf Campania, Paolo Gaeta (Il ruolo del Passaggio Generazionale nella valutazione del rating).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©