Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

Lezioni di legalità all’Istituto Comprensivo Eduardo De Filippo


Lezioni di legalità all’Istituto Comprensivo Eduardo De Filippo
05/03/2012, 13:03

San Giorgio a Cremano, 5 marzo 2012 – Sono delle vere e proprie lezioni di legalità quelle che a partire da domani vigili urbani, carabinieri, polizia, esponenti delle istituzioni e dell’associazionismo impartiranno ai ragazzi del De Filippo, l’istituto scolastico comprensivo di San Giorgio a Cremano.

Nove incontri in cui i rappresentanti delle forze dell’ordine e delle istituzioni si confronteranno con gli allievi della scuola di via Cavalli di Bronzo per stimolare nei ragazzi la cultura alla legalità e la formazione di una sana coscienza civile, democratica e costituzionale.

Un programma fittissimo, che segue “Il giro del mondo in 200 giorni”, il progetto realizzato con il supporto dell’assessore al Gioco, Scuola e Infanzia del Comune di San Giorgio a Cremano Luigi Bellocchio e che si è concluso giovedì 1 marzo con una giornata-evento patrocinata dal presidente regionale dell’Unicef Margherita Dini Ciacci.

Questo, invece, il calendario degli incontri sulla legalità che si terranno nella sede principale della scuola a via Cavalli di Bronzo. Domani, martedì 6 marzo, dalle 9 alle 11 il comandante della stazione dei carabinieri di Portici parlerà ai ragazzi del ruolo dei Nas nella lotta alle frodi alimentari mentre venerdì 16 marzo alle 10 e 30 sarà il comandante dei vigili urbani di San Giorgio a Cremano, Gabriele Ruppi, a spiegare agli allievi della De Filippo le norme di comportamento dei pedoni e le nozioni basilari di educazione stradale.

Venerdì 30 marzo, invece, alle 10 e 30, in programma presso la scuola di via Cavalli di Bronzo l’incontro con il vice questore di Napoli, Giuseppe Formica, che metterà in guardia i ragazzi sui pericoli di Internet in tema di pedofilia online. Le lezioni di legalità continueranno anche nei prossimi mesi quando nella città governata dal sindaco Mimmo Giorgiano arriveranno numerosi esponenti di associazioni antiracket come don Tonino Palese di Libera e Roberto Dentice di Open Mind.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©