Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Governo e riforma costituzionale

Libertà d'impresa rafforzata con la riforma costituzionale


Libertà d'impresa rafforzata con la riforma costituzionale
10/03/2011, 14:03

Roma - Il disegno di legge costituzionale approvato dal Governo e che si accinge ad iniziare il cammino parlamentare parte da una rivisitazione in senso liberista degli articoli 41 e 118 della Costituzione Lo spirito della riforma è improntato alla rimozione degli ostacoli che si frappongano fra l'imprenditore e la realizzazione dell’intrapresa, esaltando la responsabilità personale, e il ruolo degli enti locali nel concorso e nell’impulso alla realizzazione dell’iniziativa economica. La revisione dell’articolo 41 della Costituzione, introducendo al primo comma il principio secondo cui tutto è permesso tranne ciò che è espressamente vietato dalla legge ed abolendo il vigente terzo comma, intende affermare la libertà di iniziativa economica privata ed eliminare le incertezze e le contraddizioni presenti nell’attuale formulazione. In stretta connessione si pone il successivo intervento di modifica dell’articolo 97 della Costituzione che, perseguendo l'obiettivo di incrementare qualità e trasparenza della pubblica amministrazione, esplicita il principio secondo cui le pubbliche funzioni sono al servizio del bene comune ed introduce una disposizione sulle carriere sancendo, a livello costituzionale, il principio della valorizzazione della capacità e del merito per tutti i pubblici impiegati. La revisione dell'articolo 118, quarto comma, della Costituzione, infine, nel rafforzare la portata del principio di sussidiarietà orizziontale, prevede che gli enti locali non devono solo "favorire", ma anche "garantire l'autonoma iniziativa dei cittadini, singoli o associati".

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©