Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

L'integrazione è possibile


L'integrazione è possibile
14/09/2009, 14:09

In un panorama di discriminazione e omofobia tra i banchi della Manin è di scena l'integrazione. Una scuola non solo frequentata da bambini stranieri, ma sempre più richiesta anche dalle famiglie italiane. L'anno scorso il 60% degli studenti erano extracomunitari, quest'anno la percentuale si è ribaltata. È un esempio per tutta la capitale, se si pensa allo scalpore che hanno suscitato i dati della scuola elementare Pisacane di Tor Pignattara, dove il 97% degli iscritti è composto da alunni stranieri.

"Questo è un primo segnale che l'integrazione può esserci e forse saranno proprio i bambini a fornirci un esempio costruttivo che ci potrà far uscire dalla nostra campana di preconcetti", ha commentato il responsabile romano dell'Italia dei diritti, Alessandro Calgani. "E' vero anche che una scuola non basta. La vicinanza e la conoscenza delle altre culture va rispettata e sfruttata per colmare alcune nostre lacune. Però allo stesso tempo non dobbiamo creare realtà in cui ci troviamo ad avere percentuali di stranieri nettamente più alte rispetto agli italiani, questo sicuramente non gioverebbe al processo integrativo. La distribuzione deve essere fatta con criterio e con celerità - conclude il responsabile per la città di Roma del movimento presieduto da Antonello De Pierro - senza rimandare alla stagione successiva. Se le cose sono prioritarie abbiamo visto che basta che si schiocchino le dita e vengono attuate."

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©