Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

L'isola dei ragazzi e Inail per la sicurezza sul lavoro


L'isola dei ragazzi e Inail per la sicurezza sul lavoro
24/03/2012, 09:03

Il valore sociale della salute e sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro è una tematica rispetto alla quale, nonostante la completa e attenta normativa vigente in materia, occorre fare ancora molto per la sua capillare diffusione e completa assimilazione. Questo perché la sicurezza non può essere fondata solo su vincoli comportamentali, prescrizionali ed annesse sanzioni, ma ha bisogno di un processo di responsabilizzazione individuale di tutti i soggetti coinvolti, dai datori di lavoro agli stessi lavoratori. Affinché la cultura della sicurezza venga diffusa in modo capillare e duraturo, occorre, quindi, attivare e promuovere un cambiamento culturale, sopratutto fra i giovani, rendendoli protagonisti attivi e consapevoli degli scenari e dei bisogni di sicurezza che si vengono a delineare nella quotidianità.

***

Lunedì 26 marzo, alle ore 15.30 presso la Sala Convegni della Camera di Commercio di Napoli, si presenterà alla stampa e al pubblico il progetto “La Rete di Sicurezza”, rivolto agli studenti delle scuole di I e II grado di Napoli, che ha l’obiettivo di diffondere fra i giovani la cultura della sicurezza. La scuola, infatti – afferma la dottoressa Giovanna Iovino dirigente della sede INAIL di Napoli – “rappresenta il luogo ideale per promuovere la cultura e la pratica della sicurezza, attraverso attività e percorsi d’informazione e formazione, per creare sinergie e diffondere il sapere sfruttando il meccanismo relazionale e moltiplicatore di scambio della conoscenza alunni/famiglie/lavoratori”.

Il progetto, promosso per l’anno scolastico 2011/2012 dalla casa editrice L’Isola dei ragazzi, in sinergia con l’INAIL sede provinciale di Napoli, si propone di affrontare i temi della sicurezza nei luoghi di lavoro con diverse modalità di approccio, moderne e interattive, coinvolgendo gli studenti in attività di lettura e approfondimento, in incontri con esperti del settore e in una competizione tra istituti basata su un videogame multiplayer ospitato dal portale web www.laretedisicurezza.it, creato ad hoc per l’iniziativa. Durante gli incontri sarà distribuito gratuitamente dall’INAIL il libro “Il paese delle teste perse” edito da L’Isola dei ragazzi che comprende due sezioni ben definite: un racconto originale, che affronta il tema della sicurezza sul luogo di lavoro, con un’apposita appendice dove viene descritto il ruolo dell’INAIL, quale “polo della salute e sicurezza sul lavoro”, ed illustrate le principali regole e norme in tema di prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Il progetto si concluderà, al termine del percorso formativo (maggio 2012), con un evento finale nel corso del quale saranno premiate le scuole vincitrici del concorso.

“Non è semplice introdurre i giovanissimi al tema della sicurezza sul lavoro, - sostiene Serena Altieri, Amministratore Delegato dell’Isola dei ragazzi - trattandosi di un’esperienza, quella lavorativa, non ancora vissuta. É utile allora utilizzare una comunicazione che punti su modalità di approccio esperienziali, come i videogiochi, e allargare il concetto di sicurezza a tutti i comportamenti che possono mettere a rischio la salute. In questo modo si favorisce una cultura della sicurezza che resti come un equipaggiamento per un giusto approccio al mondo del lavoro.”



Alla conferenza stampa di presentazione del progetto interverranno: Luigi de Magistris, Sindaco di Napoli; Maurizio Maddaloni, Presidente CCIAA; Giovanna Iovino, Dirigente INAIL sede provinciale di Napoli; Diego Bouchè, Direttore dell’Ufficio Scolastico della Regione Campania; Serena Altieri, Amministratore Delegato della casa editrice L’Isola dei ragazzi.



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©