Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Lythernum, Nuovo Presidente e Consiglio di Amministrazione


Lythernum, Nuovo Presidente e Consiglio di Amministrazione
11/02/2011, 14:02

Nicola Di Raffaele è il nuovo Presidente dell'Agenzia Liternum Sviluppo Napoli Nord S.p.A., Società partecipata della Provincia di Napoli. Pasquale Del Gaudio ed Oscar Rumolo, i componenti del rinnovato Consiglio di Amministrazione. Nominati anche i componenti del Collegio Sindacale: Massimo Iodice, Presidente del Collegio, Rosario Visone, Sindaco Effettivo e Giovanni Granata, Sindaco Effettivo.

Costituita nel mese di giugno 2007 dalla Provincia di Napoli, Liternum Sviluppo Napoli Nord SpA è l'agenzia locale di sviluppo dell'area giuglianese.

L'Agenzia, partecipata al 100% dalla Provincia di Napoli, persegue in via prioritaria gli obiettivi di sostenere lo sviluppo economico, aumentare l'efficienza e la competitività dell'apparato industriale nel rispetto delle bellezze naturali dell'area, creare nuove opportunità per le comunità urbane e rurali anche nel settore turistico, attrarre investimenti dall'Italia e dall'estero.

Tra gli obiettivi prioritari funzionali legati alla costruzione/riqualificazione economica, sociale e ambientale dell'area giuglianese figurano, tra gli altri, quelli di:

- affiancare i comuni dell'area giuglianese nell'individuazione, selezione e realizzazione di progetti tesi al rilancio e allo sviluppo economico del territorio che consentano la creazione e la promozione di nuove iniziative imprenditoriali, artigianali, agricole, occupazionali e dei servizi;

- facilitare gli adempimenti amministrativi e burocratici per le imprese attraverso lo "Sportello Unico per le Attività Produttive dell'Area Giuglianese" in modo da creare uno strumento di contatto tra il sistema produttivo locale e la Pubblica Amministrazione che consenta al primo di avvantaggiarsi di procedure amministrative più snelle e veloci ed alla Pubblica Amministrazione di gestire in modo univoco sul territorio le procedure attivate con razionalizzazione di costi e tempi;

- favorire l'associazionismo tra le imprese del territorio nell'ottica di un valido e continuo confronto sulle strategie di sviluppo, soprattutto in considerazione della particolare tipologia del tessuto produttivo locale fortemente caratterizzato dalla presenza di numerose microimprese e da un limitato numero di imprese di medie dimensioni non ancora insediate in aree produttive strutturate e con un'adeguata offerta di servizi;

- promuovere processi di internazionalizzazione in modo da portare l'intero territorio ad accedere a nuovi mercati in maniera forte e con una identificazione ben definita.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©