Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Dopo i casi registrati su tutta la penisola

Maccari: Solidarietà ai poliziotti aggrediti in tutta Italia


Maccari: Solidarietà ai poliziotti aggrediti in tutta Italia
29/06/2009, 19:06

«Mentre la politica italiana si accapiglia su veline, accompagnatrici e festini di ogni tipo, riducendo il dibattito politico a una farsa da avanspettacolo e mortificando la dignità delle Istituzioni, gli uomini chiamati a tutelare l’ordine ed a garantire la sicurezza dei cittadini diventano il principale bersaglio delle violenze e del dileggio di chi non ha alcun rispetto delle regole della convivenza civile».            A sostenerlo è il Segretario Generale del Coisp - Sindacato indipendente di Polizia, Franco Maccari, dopo le notizie delle aggressioni subite da esponenti delle Forze dell’Ordine nelle ultime ore in varie parti d’Italia. «Siamo solidali – prosegue Maccari - con gli 8 agenti della Polizia municipale assaliti a Roma da un numeroso gruppo di rom, con i poliziotti di Palermo aggrediti da un posteggiatore abusivo nigeriano, con il poliziotto andriese accoltellato da un extracomunitario e dal collega coratino preso a pugni da un giovane. Un vero bollettino di guerra che dimostra quanto siano esposti al pericolo gli uomini in divisa che operano sul territorio, lasciati privi di mezzi e di risorse e persino della tutela “morale” garantita dal ripristino del reato di oltraggio a pubblico ufficiale».  «Dopotutto - conclude Maccari - se le politiche del governo in materia di sicurezza possono sintetizzarsi nell’istituzione delle ronde e nell’invio dei militari a passeggio nei centri città, se non si ha il coraggio di attuare serie politiche di contrasto all’immigrazione clandestina, se si continua a tagliare le risorse da destinare al comparto sicurezza, se l’autorità e la credibilità dello Stato sono demolite da una classe politica che pensa solo a festicciole e allegre donnine, è evidente che le Forze dell’Ordine appaiono impegnate in un nobile ma forse patetico tentativo di combattere una battaglia già persa in difesa della legalità e della sicurezza dei cittadini».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©