Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

Riflessione sul valore del cinema come strumento didattico

Manifestazione a Scampia: 'Scuole e cinema in periferia'


Manifestazione a Scampia: 'Scuole e cinema in periferia'
17/02/2015, 17:09

NAPOLI - Sabato 21 febbraio 2015, alle ore 10,00 presso l’auditorium di Scampia, si svolgerà la manifestazione: 'Scuole e cinema in periferia: un nuovo modo di interpretare il territorio', nel corso della quale saranno presentati due film, interamente realizzati dagli alunni delle scuole coinvolte.

Il Film 'Vista con granello di sabbia' è il risultato del Progetto “Cinema Doc Racconti di periferia” che l’associazione École Cinéma, fondata da Sabrina Innocenti, sta portando avanti da tempo sul territorio, progetto per la lotta alla dispersione scolastica condotto con il diretto coinvolgimento delle scuole, l’Istituto “Galileo Ferraris” di Scampia (dirigente scolastico Alfredo Fiore) ed il sostegno del Comune di Napoli, Assessorato all’Istruzione e Direzione Centrale Politiche Welfare e servizio Coordinamento Attività Sociali e sul Territorio.

Già presentato in anteprima, nell’ambito della “Prima School Edition del Festival del Cinema dei Diritti Umani” di Napoli il 24 marzo 2014 in Castel Capuano, monumento adottato dall'ITI Ferraris - progetto 'la scuola adotta un monumento' - il film è stato realizzato da un gruppo di alunni del Ferraris, con la regia di Giuseppe Carrieri ed il coordinamento didattico di Nicola Cotugno, ed ha rappresentato un lavoro intenso e produttivo che indica una metodologia per la costruzione partecipata di racconti della propria città e del proprio vissuto, di cui i ragazzi possono imposessarsi, apprendendo l'uso delle tecnologie multimediali e del linguaggio cinematografico.

Il film “Vista con granello di sabbia” è così diventata un’esperienza corale che ha offerto a tutti i protagonisti la possibilità di raccontarsi e raccontare il proprio mondo, attraverso le immagini e i suoni: un momento di riflessione sul valore del cinema come strumento didattico, educativo e maieutico, che ancora stenta ad essere riconosciuto come percorso curricolare dalle Istituzioni competenti.

Nella stessa mattinata sarà proiettato, dello stesso regista, il film ‘Gli occhi di Napoli dalla periferia al centro’, realizzato nell’ambito di un progetto PON – progetto Freelance con gli alunni dell’istituto comprensivo Giovanni XXIII Aliotta (dirigente scolastico Silvana Casertano).

Il regista Giuseppe Carrieri, napoletano, con il film "In Utero Srebrenica" ha vinto alcuni tra i più importanti riconoscimenti nazionali e internazionali: vincitore dell’Aljazeera Film Festival a Doha, vincitore del Prix Europeen du Reportage Mediterraneen, del Bellaria Film Festival, del Festival dei Diritti Umani di Ginevra e di Napoli, dell’Europe Orient Festival, del DocuCity Festival.

Tra gli altri è stato tra i migliori venti documentari del Doc.it Awards nel 2013 ed è stato candidato al David Di Donatello nella categoria Miglior Documentario Lungometraggi.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©