Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Mariella Burani Fashion Group firma il contratto di licenza con Emanuel Ungaro


Mariella Burani Fashion Group firma il contratto di licenza con Emanuel Ungaro
26/01/2011, 10:01

Milano, 26 gennaio 2011 - Mariella Burani Fashion Group ha stipulato un accordo di licenza con Emanuel Ungaro per la produzione e distribuzione della seconda linea donna con il marchio "UNGARO FUCHSIA".

Mariella Burani Fashion Group, in amministrazione straordinaria dal marzo 2010, sta gestendo una fase riorganizzativa sotto il coordinamento dei Commissari nominati dal Ministero dello Sviluppo Economico.

La collezione Autunno/Inverno 2011 “UNGARO FUCHSIA" sarà presentata a fine gennaio 2011 nello showroom milanese di Mariella Burani Fashion Group e distribuita nei mercati di riferimento con una particolare attenzione a quello statunitense . Combina il DNA del marchio - colori freschi, stampe esclusive e femminilità - con la purezza rinnovata delle forme, dando una modernità al messaggio.

Rossella Strippoli, Giampiero Martini e Francesco Ruscigno, commissari straordinari di MBFG, dichiarano:

“Siamo molto felici di poter continuare questa collaborazione con la storica maison francese, confidiamo pienamente nelle loro capacità stilistiche. Siamo sicuri che questo connubio tra la rete produttiva e distributiva di MBFG e lo stile inconfondibili della maison Ungaro porterà grandi risultati.”

Marie Fournier, direttore generale di Emanuel Ungaro, dichiara:

“Dopo il debutto del designer britannico Giles Deacon nell’ottobre del 2010, con la presentazione della sua prima collezione di Emanuel Ungaro, il rilancio della nostra seconda linea donna, “UNGARO FUCHSIA" ispirata al suo stile, è un passo importante per il nostro marchio. I venditori hanno sempre riconosciuto la maestria e la capacità di Mariella Burani Fashion Group per la produzione e distribuzione di collezioni di qualità e posizionamento di prezzo eccellente. Siamo estremamente lieti di continuare la nostra collaborazione con loro ".

Commenta Stampa
di reedazione
Riproduzione riservata ©