Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Marino (Ugl) su Fincantieri

“Soddisfazione per varo secondo pattugliatore”

Marino (Ugl) su Fincantieri
15/07/2013, 16:40

“Il varo del secondo pattugliatore della Capitaneria di Porto costruito alla Fincantieri di Castellammare di Stabia è un’occasione per fermarsi a riflettere sul fatto che, nonostante le numerose criticità del passato, grazie al senso di responsabilità di lavoratori e sindacati, si sono gettate le basi per garantire produzioni e occupazione”.

E’ quanto dichiara il segretario regionale dell’Ugl Metalmeccanici Campania, Luigi Marino, al termine della cerimonia a Castellammare, a cui hanno partecipato anche il segretario regionale dell’Ugl Campania, Vincenzo Femiano, il segretario provinciale dell’Ugl Metalmeccanici di Napoli, Ciro Esposito, e le rsu della Fincantieri di Castellammare, Giuseppe Giovedi e Francesco Salvati. A quest’ultimo è stato affidato il compito di intervenire a nome dei sindacati per illustrare e commentare il percorso fatto fino ad oggi. Presenti anche il governatore della Campania Stefano Caldoro, il Presidente e l’ad di Fincantieri, Vincenzo Petrone e Giuseppe Bono, e il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, Ammiraglio Felicio Angrisano.

“Con il varo del secondo pattugliatore – spiega il sindacalista – e con gli accordi che abbiamo siglato, e che hanno permesso la partenza della nuova mission produttiva legata alla realizzazione di navi ‘dual fuel’ a basso impatto ambientale, possiamo dire di aver riportato un clima di serenità in uno stabilimento che da sempre rappresenta un fiore all’occhiello della cantieristica italiana ed europea”.

“Castellammare e i suoi lavoratori – conclude - si sono dimostrati ancora una volta capaci di ottenere risultati brillanti sia in termini di tempistiche che di lavorazioni. L’auspicio adesso è che, come confermato dal Presidente Caldoro, i lavori per l’attuazione dell’accordo di programma e per la realizzazione del bacino di costruzione procedano speditamente e senza intoppi”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©