Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Mario Cirino Pomicino spa, si attende incontro con Nappi

L'azienda in liquidazione incontra Pavia dell'Ugl

Mario Cirino Pomicino spa, si attende incontro con Nappi
25/01/2012, 16:01

Pochi, ma importanti risvolti nella vicenda della Mario Cirino Pomicino spa, l’azienda messa in liquidazione dal 19 gennaio scorso. Un dissenso tra soci rischia di lasciare senza lavoro 60 dipendenti, che al momento sono in stato di allerta. Oggi hanno ripreso a lavorare, ma annunciano, per i prossimi giorni, diverse forme di agitazione. L’azienda “modello” è specializzata nella commercializzazione e nella produzione di materiale edile, ed è guidata dai due fratelli Luigi e Cristiano Cirino Pomicino. Una serie di malumori dei due avrebbe portato allo scioglimento dell’assetto aziendale, che ha suscitato in questi giorni l’interesse da parte delle istituzioni. Ieri Antonio Fuschino, sindaco di Arzano, sede dell’azienda, ha inviato una lettera al prefetto di Napoli, Andrea De Martino, chiedendo un urgente tavolo di discussione sulla vicenda. Nell’attesa, si è svolto un incontro tra i lavoratori e il segretario provinciale dell’Ugl, Vincenzo Pavia, il quale ha chiesto un colloquio all’assessore regionale al lavoro, Severino Nappi. La speranza è che nel momento di crisi che la Campania sta vivendo, non finiscano per strada 60 lavoratori per un mero dissenso familiare.

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©