Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Martedì al Crowne Plaza il 15esimo congresso provinciale della Uil


Martedì al Crowne Plaza il 15esimo congresso provinciale della Uil
28/11/2009, 17:11

CASERTA - Martedì 1° dicembre 2009, con inizio dei lavori alle ore 9.30, si svolgerà, presso il Crowne Plaza Hotel di viale Lamberti a Caserta, il XV Congresso Provinciale della Uil che ha per titolo “Il valore del lavoro per un nuovo futuro”.
Dopo il saluto del sindaco del capoluogo, Nicodemo Petteruti e delle autorità presenti, il congresso sarà aperto dalla relazione di Antonio Farinari, segretario provinciale della Uil.
Alle ore 15.30 si svolgerà una tavola rotonda sul tema “La partecipazione e la bilateralità per il rilancio dello sviluppo della provincia di Caserta”, coordinata da Mariarosaria Arena, segretario della Camera Sindacale Provinciale della Uil. Interverranno Antonio Della Gatta, presidente di Confindustria Caserta; Antonio Salvatore De Biasio, presidente di Confapi Caserta; Francesco Geremia, presidente di CNA Caserta; Tommaso De Simone, presidente di Coldiretti Caserta; Maurizio Pollini, presidente di Confesercenti Caserta; Alessandro Tartaglione, presidente dell’Ente Bilaterale per il Terziario; Tommaso Picone, presidente di Fimila e Francesco Maesano, direttore della Cassa Edile provinciale.
I lavori della prima giornata del congresso saranno conclusi da Rosaria Pucci, della Uil nazionale.
Il 2 dicembre, dopo la ripresa dei lavori, alle ore 12.00 l’intervento di Anna Rea, segretario regionale della Uil, concluderà il dibattito congressuale. Seguirà l’elezione degli organismi provinciali e dei delegati ai congressi regionale e nazionale.

“Arriviamo a questo appuntamento – dice il segretario provinciale Antonio Farinari – dopo l’esito di 15 congressi delle categorie provinciali, in cui sono stati eletti 600 dirigenti sindacali. Abbiamo accresciuto il consenso alla nostra organizzazione, con 20mila iscritti. Abbiamo promosso in ogni categoria e ambito di lavoro il ruolo di un sindacato vivo ed efficiente, ampliato e reso più efficace il nostro sistema di comunicazione, condivise e rafforzate le nostre azioni per sviluppare la formazione del personale, integrati e messi in rete i servizi del sindacato sul territorio. Azioni e iniziative che ci consentono di poter guardare al futuro della nostra organizzazione con coscienza e responsabilità. Il sindacato del futuro sarà il sindacato della partecipazione, impegnato per la costruzione di una nuova economia civile. Da Terra di Lavoro, dal nostro territorio attraversato da contraddizioni e difficoltà ma anche ricco di opportunità, può e deve venire un contributo ampio e condiviso per la realizzazione delle prossime stagioni della Uil”.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©