Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

Gli studenti italiani oggi affronteranno il "quizzone"

Maturità 2012, oggi la terza prova

Dall'anno prossimo forse ci sarà il test dell'Invalsi

Maturità 2012, oggi la terza prova
25/06/2012, 08:06

Dopo la prova di italiano del 20 e quella di indirizzo del 21 giugno, questa mattina i quasi 500mila studenti e studentesse italiani affronteranno la terza prova scritta degli esami di maturità, il cosiddetto "quizzone", un test multidisciplinare che, a differenza delle prime due prove scritte, è stato predisposto dalle singole commissioni d'esame.

Questa prova, pur non essendo a carattere nazionale, è quella che preoccupa maggiormente gli studenti, che sono chiamati a rispondere a domande su quattro o cinque materie dell'ultimo anno scolastico. La scelta della tipologia del quiz (domande a risposta multipla, domande a risposta aperta, trattazione sintetica di massimo cinque argomenti...) è prerogativa dei membri della commissione d'esame, ma questi, generalmente, seguono le indicazioni fornite dal consiglio di classe nel documento del 15 maggio. Pertanto, in alcuni casi i ragazzi sanno già a quale tipologia di prova vanno incontro e, magari, anche quali materie devono ripassare meglio. Nonostante ciò, tuttavia, il "quizzone" resta la più difficile tra le prove scritte.

Questa potrebbe essere l'ultima volta che la terza prova viene predisposta dalle singole commissioni d'esame. Dall'anno prossimo, infatti, alcune cose potrebbero cambiare, con la sostituzionedella terza prova, almeno in via sperimentale, con un test a casattere nazionale predisposto dall'Invalsi (Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema dell'Istruzione). Questo tipo di test verrebbe introdotto con l'obiettivo di ottenere un quadro complessivo sulla preparazione degli studenti in uscita dalla scuola secondaria. Inoltre, incrociando i risultati di questi test con quelli realizzati in uscita dalla scuola media, si potrebbe misurare il "valore aggiunto", ovvero una misura dei progressi conseguiti da ciascuno studente nel corso dei cinque anni di scuola superiore.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©