Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

Soddisfatto anche il Garante della privacy

Maturità, con la Gelmini ritorna il voto pubblico


Maturità, con la Gelmini ritorna il voto pubblico
04/06/2009, 18:06

Ancora un dietrofront sul versante scuola. Se l’hanno scorso gli studenti hanno trovato, nei cartelloni, la semplice scritta “esito positivo” o “esito negativo”, quest’anno le cose cambiano e ritornano com’erano solo qualche tempo fa.

Con la riforma Gelmini sono nuovamente visibili i voti sul tabellone, per “un ritorno alla scuola della chiarezza e del rigore”. La nuova norma è introdotta dall’ordinanza ministeriale numero 40, che stabilisce che tutti i voti saranno visibili pubblicamente per chi ha passato l’esame, mentre gli altri troveranno ancora un “esito negativo”.

Parere positivo è anche arrivato dal Garante della privacy, Francesco Pizzetti, che, sottolineando che non esistono norme che impediscono la pubblicazione dei voti, ritiene il cambiamento utile “ai fini della trasparenza dell’operato dei docenti, del controllo sull’esame da parte dell’opinione pubblica, di un incentivo per i ragazzi e di un riconoscimento degli sforzi da loro fatti”.


Il Ministero della Pubblica Istruzione ha messo a disposizione di chiunque lo desideri, la possibilità di conoscere la composizione della Commissione d'esame per l'esame di maturità, che inizierà, in tutti i licei italiani, il prossimo 25 giugno. Basterà collegarsi al link http://www.trampi.istruzione.it/EsamiStato/startMotoreEsamiStato.do ed inserire i dati dell'Istituto o del Commissario che si cerca per sapere quello che si vuole.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©