Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Mc Donalds: UIL Campania si mobilita per i lavoratori


Mc Donalds: UIL Campania si mobilita per i lavoratori
16/04/2011, 15:04

La Uiltucs Campania, dopo aver già avviato lo stato di agitazione del personale, ha deciso lo sciopero su tutti i turni di lavoro nei confronti della società Napoli Futura s.r.l. (partecipata al 50% del pacchetto azionario dalla stessa McDonald’s Development Inc.) che gestisce alcuni ristoranti a marchio McDonald’s che fino al giugno 2010 erano gestiti direttamente dalla compagnia multinazionale. Il motivo del contendere è “il mancato rispetto da parte della Napoli Futura di una parte importantissima delle intese sottoscritte con le organizzazioni sindacali e con la stessa McDonald’s all’atto della cessione del ramo d’azienda relativo ai ristoranti di Piazza Municipio e di Pompei, che erano tese, oltre alla tutela ed alla garanzia dei livelli occupazionali e reddituali dei lavoratori, anche alla tutela degli stessi da ogni possibile atto unilaterale che la nuova azienda potesse mettere in campo, come ad esempio cambi di sede, trasferimenti e trasferte in altri ristoranti”. Stefania Giunta, segretaria regionale della Uiltucs, spiega che, “come spesso accade ogni qualvolta una casa madre conferisce i propri ristoranti o i propri punti vendita ad altre gestioni, si generano tensioni e conflitti certamente mai ricercati da lavoratori che spesse volte hanno rapporti di lavoro part-time e sono soggetti ad organizzazioni del lavoro che non sempre rispecchiano quanto previsto dal Contratto nazionale applicato”. Stavolta l’azienda “ha disposto trasferte anche a rappresentanti sindacali (in contrasto con lo Statuto dei Lavoratori), in ristoranti situati anche fuori Provincia di Napoli, in spregio alle intese sottoscritte, senza alcun preventivo confronto e con il malcelato se non evidente scopo di indebolire il sindacato fortemente rappresentativo tra questi lavoratori: è evidente – conclude Giunta - che questi atteggiamenti, confermati ed aggravati dal fatto che anche oggi il rappresentante dell’azienda Napoli Futura ha lasciato il tavolo di trattativa dopo soli 20 minuti per svolgere delle proprie “assemblee” con i lavoratori dei diversi ristoranti, pongono in seria discussione le relazioni con la stessa azienda McDonald’s e gettano un grande velo di incertezza e di criticità rispetto ad un progetto di presenza sul territorio e di crescita di aziende”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©