Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

Via al progetto per edifici a impatto zero sull'ambiente

Ministro Profumo: "Occorrono scuole eco-sostenibili"

Oggi si spendono 12,5 miliardi. Si potrebbe arrivare a 3 mld

Ministro Profumo: 'Occorrono scuole eco-sostenibili'
24/01/2012, 11:01

ROMA - Più scuole rispettose dell’ambiente. È quanto promette il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo. “Le nuove tecnologie ci permettono oggi di poter progettare edifici a impatto zero, con notevoli risparmi nei costi di gestione del medio e lungo periodo. Attualmente, invece, la gran parte degli edifici scolastici è nella classe energetica G, la più bassa che si traduce in circa 200 euro al metro quadro di bolletta. Una cifra ben diversa dai 35 euro a metro quadro della classe energetica A. Numeri alla mano, è facile ipotizzare i margini di risparmio”.
In un’intervista al ‘Sole 24 ore’, il ministro annuncia il piano per le ‘scuole verdi’, un progetto per consumare e inquinare di meno. “A partire dalle nuove scuole, per poi estendere gli interventi agli oltre 10 mila edifici già esistenti, i risparmi si aggirerebbero attorno ai 9,5 miliardi se si arrivasse ad avere tutte scuole con classe A. Il costo energetico si ridurrebbe a circa 3 miliardi, rispetto agli attuali 12,5”. Il Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe) ha stanziato 197 milioni, individuati dal Fondo per lo sviluppo e la coesione previsto dalla legge 183 del 2011. “Vanno aggiunti 259 milioni – prosegue Profumo – per ulteriori interventi, da selezionare tra quelli evidenziati dal tavolo tecnico. Altri 100 milioni serviranno per mettere in cantiere la costruzione di nuove scuole progettate in chiave moderna. Ne abbiamo bisogno perché il patrimonio immobiliare scolastico è molto datato. Già 1,2 miliardi di interventi negli atenei di Abruzzo, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna sono stati stanziati sulla base di impegni già assunti dal precedente ministro Fitto, che serviranno al completamento delle opere già iniziate”.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©