Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

I non ammessi alla maturità sono il 5,7%

Miur: aumentano le boccaiture, numerosi i 5 in condotta


Miur: aumentano le boccaiture, numerosi i 5 in condotta
21/06/2010, 22:06

ROMA - Si concede la precedenza alle quinte classi delle scuole superiori e, il Miur, presenta i primi dati parziali collegati a bocciature e non ammissioni all'esame di maturità. In particolare, i nuovi dati, riguardano il 16,4% delle scuole medie, il 4,3% delle scuole superiori, il 31,6% per quanto concerne l'ammissione agli esami di maturità. La tendenza, che conferma i precedenti annunci del ministero dell'Istruzione, è quella di un maggior rigore generale nei giudizi; con un incremento delle non ammissioni agli esami di quinta classe dal 4,8% al 5,7% e i 5 che abbondano il tutte le classi (colpendo oltre 10.000 studenti).
In particolare è interessante il dato riferito agli studenti che non sono stati ammessi all'esame di maturità, con differenze sostanziali rispetto agli anni precedenti (nel 2007/2008 il dato finale aveva toccato un 4,3%; nel 2006/2007 il 3,9% e, nell'anno in corso, si è arrivati a sfiorare il 6%). Meno evidenti gli umenti di bocciati per le scuole secondarie di primo grado (con una differenza rispetto l'anno precedente dello 0,1%). I non ammessi agli esami di terza media restano invece fermi al 3,5%.
Guardando alle scuole superiori e non riferendosi esclusivamente agli esami delle quinte, si denota un incremento anche nelle bocciature delle classi precedenti (11,4% rispeto al 10,8% del 2008-2009). Il maggior numero di bocciati si trovano nei Licei Classici (dal 3,5% al 4,2%), in quelli tecnici (dal 14,1% al 14,4%), nei linguistici (dal 3,6% al 4,9%) e negli istituti pedagoci-ex magistrali (dal 7,3% all'8,3%).

TRACCE E BUFALE DAL WEB
Come ogni anno da diversi anni, poco prima della prova scritta di Italiano, compare sul web quella che è oramai una leggenda metropolitana poco originale ma ancora in grado di riscontrare discreto successo. Su numerosi siti e forum dedicati alla maturità, infatti, spunta regolarmente la storia dell'apertura delle buste contenenti le segretissime tracce. Le buste, verrebbero ogni anno violate all'interno di fantomatici licei ed istituti tecnici italiani situati in Australia. Inutile precisare l'infodatezza della notizia.
Intanto, Studenti.it, lancia un sondaggio al quale rispondo numerosi studenti. Secondo i risultati raccolti, quasi 4 maturandi su 10 sceglieranno il saggio breve (37%). il 22% si è detto invece orientato verso l'articolo di giornale e, forse sorprendentemente, un 19% ha dichiarato che si dedicherà all'analisi del testo. In ultimo, il 20% degli intervistati, ha ammesso di essere ancora indeciso e confuso sulla scelta da operare.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©