Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

Morello interviene su riforma fiscale


Morello interviene su riforma fiscale
13/12/2013, 12:40

ROMA - "Sicuramente il problema dell'evasione fiscale è forte nel nostro Paese, ma ho l'impressione che tutte le manovre varate sin'ora vadano a colpire l'effetto tralasciando la causa". E' quanto ricorda Lorenza Morello, giurista d'impresa e presidente nazionale Avvocati per la Mediazione (APM), nel porre l'attenzione sulla manovra fiscale di fine anno varata dal governo Letta che vieterà il pagamento degli affitti in contanti.
"Nel caso di specie - prosegue - è noto che a pagare in contanti l'affitto siano per lo più due categorie di persone, ovvero gli studenti universitari che ricevono i soldi dai genitori e i pensionati, poco avvezzi ad altri mezzo di pagamento. Ne consegue che questa norma andrà nuovamente a toccare le fasce più deboli del Paese, lasciando quasi immuni le categorie più agiate".
"Bisogna altresí considerare che - aggiunge - per pagamenti di cifre superiori ai mille euro il divieto di ricorrere al cantante è già in vigore, pertanto gli affitti di appartamenti di fascia superiore dovrebbe già essere ricompreso. Ma evidentemente così non è, e questa nuova misura denuncia l'inefficacia della precedente".
"Due manovre - argomenta la presidente APM - che, come altre, ignorano il problema di fondo, ovvero "perché nel nostro Paese c'è un così forte problema del sommerso?. Non è necessario essere dei comparatisti o dei sociologi per capire che la causa dell'evasione nostrana è un'imposizione fiscale percepita come eccessiva e sperequata. Eccessiva perché è tra le più alte al mondo, in tutti i settori, sperequata perché ad essa i cittadini non sentono corrispondere i servizi adeguati".
"Le manifestazioni di questi giorni rendono in modo allarmante il senso del tutto. È per questo - conclude Morello - che faccio appello al neo segretario Pd Matteo Renzi: se vuole davvero dimostrarsi concreto nell'agire, cosa di cui non dubito, vada a colpire le cause dell'evasione, riducendo l'imposizione fiscale e aumentando la possibilità di detrazione. Senza una manovra di questo genere, si andrà poco lontano. Questo vuol dire "cambiare verso".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©