Istruzione e lavoro / Università

Commenta Stampa

mOSAIC, dalla Sun una piattaforma per il cloud


mOSAIC, dalla Sun una piattaforma per il cloud
11/04/2013, 15:54

Esporre i risultati di “mOSAIC”, il progetto di circa 4 milioni di euro sviluppato dalla Seconda Università degli studi di Napoli, finanziato dalla Commissione Europea nell'ambito del Settimo Programma Quadro per l'Information and Communication Technology. Questo l’obiettivo della “Mosaic Final Conference”, che si terrà a Sorrento, presso l’Hilton Sorrento Palace, venerdì 12 aprile dalle 9.30, durante la quale sarà presentata la piattaforma open-source che consente alle applicazioni di negoziare servizi Cloud secondo le esigenze degli utenti, sviluppata e pronta per l’utilizzo.

“Il contesto scientifico e tecnologico del progetto è il Cloud Computing – spiega il coordinatore del progetto Beniamino Di Martino del Dipartimento di Ingegneria dell'Informazione - un paradigma di esecuzione che consente all'utente di spostare in remoto i suoi dati e le sue applicazioni, utilizzando le risorse di Cloud providers (come Amazon, Google, ect.) che mettono a disposizione i loro hardware, software e servizi”.

Con il "cloud computing" le applicazioni non risiedono più sui computer degli utenti ma su server remoti e sono quindi raggiungibili e lavorabili con qualunque computer da ogni luogo.

Il Progetto mOSAIC è finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito della Call 5 del 7° Programma Quadro per l’Information and Communication Technology. Il progetto coinvolge, oltre alla SUN, altri 8 partners da 7 paesi Europei: l’Institute e-Austria di Timisoara (Romania),  AITIA (Ungheria), l’Agenzia Spaziale Europea (Francia), Tecnalia (Spagna), Terradue (Italia), XLAB (Slovenia), le Università di Lubljiana (Slovenia) e Brno (Rep. Ceca). Il totale del finanziamento  per il progetto è 3.7 milioni di euro, e le attività si sono svolte dal Settembre 2010 ad Aprile 2013.

Obiettivo del progetto  mOSAIC è raggiungere la portabilità e l’interoperabilità nel Cloud. Il progetto ha infatti realizzato una piattaforma open-source che consente alle applicazioni sviluppate per il Cloud di scoprire e negoziare servizi Cloud di multipli Cloud providers secondo le esigenze degli utenti, utilizzando tecnologie Semantiche e ad Agenti.

Durante la Conferenza sarà presentata la piattaforma sviluppata e pronta per essere utilizzata ed estesa. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©