Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Napoli 2020, Maddaloni: “Un Nuovo Modello Di Sviluppo Per Superare La Crisi”


Napoli 2020, Maddaloni: “Un Nuovo Modello Di Sviluppo Per Superare La Crisi”
10/12/2011, 12:12

Investimenti in calo nel 2012 per l’89 per cento delle imprese campane, ordini interni in caduta libera rispetto al 2011 (22 per cento degli intervistati quest’anno hanno dichiarato un crollo di fatturato, mentre per il prossimo anno sono pessimisti oltre l’85 per cento delle aziende). Produzione in discesa secondo l’82 per cento conto il 23 per cento indicato lo scorso anno.
Sono questi i primi dati che emergono dalla ricerca illustrata nel corso di Napoli 2020, la prima rassegna sulla Campania e l’economia del Mediterraneo, organizzata dalla Camera di Commercio di Napoli, in collaborazione con il Denaro e inserita nel Giubileo per la città. Le esportazioni, secondo il sondaggio Ircsia su 200 imprenditori è il dato congiunturale meno negativo, mentre ancora una volta la disoccupazione, per il 96 degli intervistati, sarà in netta flessione anche per tutto il prossimo anno.
Per il presidente della Camera di Commercio di Napoli, Maurizio Maddaloni: “E’ necessario puntare innanzitutto ad un nuovo modello di sviluppo per il prossimo decennio che faccia leva sulle forze economiche reali e mai più sulle alchimie finanziarie che hanno generato, in questi anni, solo delusione e tanta troppa disoccupazione”.
La sfida lanciata durante la due giorni, dal numero uno dell’ente camerale partenopeo:“Trasformare la città e l’intera area metropolitana in un territorio competitivo dove conviene investire. Noi siamo pronti, come casa comune delle imprese – conclude Maddaloni - ad avviare una nuova stagione di governance territoriale e definire le forme e le modalità più opportune per mettere in campo una regia forte ed autorevole che guidi un nuovo modello di sviluppo per l’area metropolitana di Napoli”.
Sulla crisi economica e sulle prospettive per i Paesi del G-20 e in particolare per L’Italia, si è incentrata la lectio magistralis dell’economista italo-americano, Dominick Salvatore che si è confrontato con il rettore dell’Università Federico II di Napoli, Massimo Marrelli e la preside della Facoltà di Economia della Sun, Clelia Mazzoni. Nel pomeriggio di ieri il cardinale Crescenzio Sepe ha celebrato il Giubileo dell’economia, sottolineando il ruolo fondamentale di un’etica dell’impresa che tuteli anche i più deboli e le famiglie dei lavoratori.
La giornata finale si è aperta con il focus sulla “Sanità in salute, come curare il grande malato e liberare risorse” al quale hanno preso parte, tra gli altri, Raffaele Calabrò, Annamaria Colao e Massimo Petrone ed è proseguita con la lectio magistralis di Paolo Savona. Interventi finali dei vertici delle istituzioni e conclusioni del presidente della Camera di Commercio di Napoli, Maurizio Maddaloni.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©