Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Il vademecum presentato alla Camera di Commercio

Napoli, arriva la guida per gli imprenditori cinesi


.

Napoli, arriva la guida per gli imprenditori cinesi
13/09/2010, 14:09

NAPOLI – E’ stato presentato questa mattina alla Camera di Commercio di Napoli “Lavorare e Vivere in Italia”, vademecum pubblicato dallo Studio legale Picozzi e Morigi che intende essere una guida su visto, tributi, famiglia, imprenditoria, lavoro dipendente e successioni. La guida, interamente in lingua cinese, è destinata alla vasta comunità del Sol Levante che da anni vive e lavora a Napoli. Hanno partecipato alla presentazione membri del del panorama religioso, universitario, politico e associativo, tra questi il Cardinale Crescenzio Sepe, Ding Wei, ambasciatore cinese, Leonardo Impegno, presidente del Consiglio comunale di Napoli, e Maurizio Maddaloni, presidente della CCIA di Napoli.
Lo scopo principale è favorire l’integrazione tra i cinesi che vivono in Italia e gli Italiani.
Il gap culturale e linguistico dei cinesi presenti in Italia porta spesso al mancato rispetto delle regole e del modus agendi e vivendi italiano. La guida redatta in lingua cinese ha lo scopo di integrare al meglio nella vita di tutti i giorni e nel sistema lavorativo italiano i cinesi residenti nel Bel Paese: 123 pagine, con una presentazione scritta dall'ambasciatore cinese, Ding Wei, per spiegare tutto quello che c'è da conoscere del vivere e lavorare italiano, dal permesso di soggiorno, alle tasse, passando per il matrimonio, l'istruzione, le società di impresa, i contratti lavorativi, etc...
"Lavorare e Vivere in Italia" sarà distribuita gratuitamente durante la presentazione e in prima battuta sui voli dalla Cina diretti in Italia della compagnia aerea Air China .
«L'associazione Grandangolo è nata qualche anno fa proprio per favorire l'inserimento e sfruttare al massimo il risultato della possibile sinergia delle due comunità, italiana e cinese, presenti sul territorio - ha dichiarato Angelo Bruscino, direttore dell'Associazione -. Oggi più che mai consideriamo questo rapporto un'occasione da non sprecare. In quest'ottica, tramite diverse attività, l'associazione Grandangolo si è battuta per favorire l'integrazione, puntando innanzitutto ad abbattere i divari socio - culturali tra i due popoli. In particolare, dopo il successo della prima guida turistica di Napoli in lingua cinese, siamo convinti che lo stesso strumento possa essere utile per spiegare le regole sociali e aziendali locali e favorire l'inserimento di chi vive nella nostra terra, opera presso nostre imprese o decide di avviare una sua iniziativa».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©