Istruzione e lavoro / Università

Commenta Stampa

Napoli. Collettivo Break Out: "convocare assemblea di Facoltà"


Napoli. Collettivo Break Out: 'convocare assemblea di Facoltà'
18/11/2011, 09:11

Il 9 novembre si è svolta un’assemblea degli studenti della Facoltà di Architettura presso la sede di via Fornovecchio; nel corso della discussione sono emersi diversi problemi e richieste riguardanti l’attuale situazione didattica, sintetizzati in un comunicato successivamente trasmesso alla Presidenza e regolarmente protocollato in data 11 novembre 2011.

Sembra tuttavia che l’Università, così premurosa nel comunicare puntualmente agli studenti le date di scadenza per le tasse universitarie, non risulti altrettanto diligente nel relazionarsi alle loro istanze.

Gli studenti, riunitisi nuovamente oggi in assemblea pubblica, hanno verificato che nessun provvedimento è stato preso in relazione alle loro richieste. Alla cronica deficienza di attrezzature e servizi, si aggiunge quindi la mancata attivazione di numerosi corsi, i quali dovranno essere recuperati in poche settimane o nel secondo semestre, aggravando i già esasperati ritmi accademici ai quali gli studenti sono sottoposti.

Ritengono quindi indispensabile aprire un confronto tra gli studenti e le altre componenti istituzionali della Facoltà (Preside, Presidenti dei Corsi di Laurea, rappresentati degli studenti, ..), per essere messi al corrente dell’attuale situazione universitaria e poter partecipare in modo paritario e cosciente alle scelte che vengono prese all’interno degli organi di governo istituzionali .

Chiedono pertanto la convocazione di una assemblea di Facoltà a cui partecipino tutte le dette componenti, avente ad oggetto i problemi della situazione didattica riscontrati nel precedente comunicato, da tenersi il giorno 23 novembre 2011, dalle ore 11:00 alle ore 13:00 nell’aula SL1.1 della sede di via Fornovecchio. Al fine di garantire la massima partecipazione, chiedono inoltre che contemporaneamente all’assemblea vengano sospese tutte le attività didattiche.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©