Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Napoli, in viaggio con il Durc


Napoli, in viaggio con il Durc
07/10/2010, 17:10


NAPOLI - Partirà domani, 8 ottobre alle ore 9, “In viaggio con il Durc, percorso di formazione per le stazioni appaltanti”.  L’iniziativa organizzata da Inail, Inps, Cassa Edile e Associazione Costruttori Edili di Napoli ha l’obiettivo di integrare e aggiornare le competenze dei funzionari delle stazioni appaltanti della provincia di Napoli (Comuni, Provincia di Napoli, Regione Campania, ASL, Istituti Universitari etc). Al centro del percorso formativo lo studio della normativa e delle complesse procedure di gestione del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC), volto ad accertare la piena regolarità contributiva delle imprese edili nei confronti di Inps, Inail e Cassa Edile. Il rilascio del Documento Unico di Regolarità Contributiva è propedeutico al corretto avvio di tutti gli appalti e i subappalti di lavori pubblici. Lo stesso documento, inoltre, viene richiesto per i lavori privati al rilascio del permesso di costruire (o della Scia) e per le attestazioni Soa. La formazione sarà curata da esperti Inps, Inail e Cassa Edile ed avrà una fase di studio teorico ed uno step pratico, con simulazioni e test, con l’obiettivo di eliminare le criticità rilevate in fase di richiesta. Il calendario delle lezioni si svolgerà nei prossimi mesi di ottobre e novembre presso la sede dell’Acen e formerà più di 300 dirigenti e funzionari pubblici, che si sono già iscritti ai corsi. L’iniziativa segue un Protocollo d’Intesa sulla “Promozione della sicurezza, regolarità e qualità del lavoro” sottoscritto il 1 ottobre 2010 dagli stessi Enti che promuovono il progetto. La collaborazione istituzionale tra gli enti previdenziali e assicurativi e l’Associazione Costruttori affonda le sue radici nella consapevolezza che i principi di legalità, sicurezza sul lavoro e contrasto al lavoro nero rappresentano priorità comuni, alle quali prestare la massima attenzione attraverso progetti qualificanti e azioni concrete.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©