Istruzione e lavoro / Università

Commenta Stampa

Domani alla ex mensa universitaria Federico II

Napoli: mobilità SOStenibile, idee e pratiche per un'altra città


Napoli: mobilità SOStenibile, idee e pratiche per un'altra città
15/03/2011, 10:03

Domani, mercoledì 16 Marzo alle ore 16.30 a InCampus, ex mensa universitaria della Federico II in Via Mezzocannone 14 a Napoli, si terrà un dibattito sul tema della mobilità sostenibile e le sue applicazioni nella città di Napoli.
L'evento vuole promuovere l'utilizzo della bicicletta come mezzo di trasporto utile, efficiente e rivoluzionario in una città come Napoli, dove i dati delle emissioni di CO/CO2 sono molto allarmanti, dove la presenza di macchine Euro 0 è la piu alta in Italia, dove la mobilità pedonale è ostacolata dal sempre crescente traffico di mezzi di trasporto e reso difficile da un servizio pubblico insufficiente, di pochi giorni fa la notizia di riduzione dell'orario della linea 6 della metropolitana e delle funicolari a favore dell'apertura di una sola nuova fermata della linea 1.
Il modello di tante città europee è quello da imitare, ma basterebbe guardare anche a realtà più vicine come Caserta, Bologna, Brescia o Milano che attuano e prevedono nel loro piano urbanistico la relizzazione di piste ciclabili per i cittadini.
Il dibattito , moderato da Luca Simeone, assessore alle politiche sociali della X Municipalità, vedrà la partecipazione di: Alberto Corbino - Docente di "Economia e diritto ambientale" presso l'Università Federico II di Napoli, Mattia Leone - architetto dello Studio Restart consulente del Comune di Napoli per la realizzazione del "progetto per la promozione della mobilità ciclistica", Antonio Daniele - Presidente Cicloverdi e Claudio Caccavale della Critical Mass di Napoli, attivista del movimento NO-OIL.
L'evento è promosso dalle associazioni Caracol e Jolie Rouge nell'ambito del progetto "Un universo di pensieri", che vede tra gli altri servizi tre sportelli aperti agli studenti e attivi sui temi delle donne madri, dei servizi universitari della città e della mobilità giovanile.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©