Istruzione e lavoro / Università

Commenta Stampa

Le strutture utilizzate per indagini su obesità infantile

Napoli, nuovo laboratorio per pediatria della Sun


.

Napoli, nuovo laboratorio per pediatria della Sun
11/03/2010, 17:03

NAPOLI - Inaugurato questa mattina il laboratorio di biologia molecolare del Dipartimento di Pediatria della Seconda Università di Napoli.
I recenti progressi nella conoscenza del nostro patrimonio ereditario e nelle tecniche di biologia molecolare hanno reso possibile non solo un rapido sviluppo della ricerca di base ma anche importanti ricadute di quest’ultima sulla diagnostica molecolare.
“Si effettueranno analisi genetiche – spiega Laura Perrone direttore del Dipartimento di Pediatria, l’estrema affidabilità, che deriva dal fatto che questa metodica si basa direttamente sull’analisi della sequenza del nostro patrimonio genetico, fa capire l’importanza di questi laboratori”. Verranno effettuate indagini in diversi settori, la diagnostica diretta delle malattie infettive e la genetica molecolare, ma anche indagini che riguardano l’obesità infantile di natura ereditaria.
Per quanto concerne la diagnosi delle infezioni virali e batteriche, le tecniche basate sull’amplificazione del DNA (la cosiddetta PCR) permettono di rilevare la presenza del genoma virale con una sensibilità ed una specificità inimmaginabili fino a non molti anni fa. In teoria, è possibile mettere in luce la presenza anche di una sola particella virale e valutarne il grado di replicazione in una fase in cui il paziente non presenta ancora alcun sintomo clinico. Anche nel settore della Genetica Medica si può oggi contare su moderne tecnologie, quali la real-time PCR (amplificazione genica in tempo reale), che garantiscono alta efficienza ed accuratezza nelle mani di personale tecnico qualificato. I test genetici, per le loro peculiarità e soprattutto per le loro implicazioni etiche e psicologiche, costituiscono un’area molto delicata: questo tipo di analisi infatti spesso non riguarda solo l'identità biologica della persona direttamente coinvolta ma anche quella dei familiari.

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©