Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Napoli, presentazione premio fedeltà lavoro artigianato

Imprese artigiane meritano sostegno

Napoli, presentazione premio fedeltà lavoro artigianato
21/06/2013, 13:30

NAPOLI - “Le imprese artigiane costituiscono da sempre un importante fattore di crescita economica per il nostro Paese e meritano rispetto e sostegno, soprattutto per l’importanza sociale che rivestono in termini di creazione, di nuove opportunità di lavoro e di sviluppo per il territorio”. Lo ha affermato l’assessore provinciale alle attività produttive, Ciro Alfano, presentando questa mattina, presso la sala Cirillo di Palazzo Matteotti, insieme con il presidente del Centro studi per l’Artigianato, Francesco Barletta e con il presidente della Commissione Regionale per l’Artigianato, Fabrizio Luongo, il bando di concorso “Premio Fedeltà al Lavoro Artigiano”, promosso dalla Provincia di Napoli.

L’iniziativa intende valorizzare le imprese artigiane del territorio che rappresentano una delle eccellenze della nostra economia, attraverso il conferimento di riconoscimenti a favore di imprenditori che si sono distinti nella fedeltà al lavoro Artigiano. Sono 5 le categorie che riceveranno riconoscimenti per l’impegno imprenditoriale; l’internalizzazione; l’imprenditoria femminile; l’imprenditoria giovanile e l’imprenditoria storica. Le domande di partecipazione dovranno essere presentate entro il 31 luglio. Il bando di concorso e tutte le informazioni necessarie saranno consultabili sul sito dell’Ente all’indirizzo:www.provincia.napoli.it

“L’artigianato che unisce territorio, economia e cultura – ha concluso Alfano - è rappresentato in Italia da oltre 1.400.000 imprese che, in un anno particolarmente duro per tutti i comparti dell'economia, sta compiendo sacrifici durissimi per affrontare la profonda recessione che ha colpito il nostro Paese. L’artigianato è considerato un mestiere e non arte, può far crescere nuove generazioni del saper fare, grazie alle capacità dei singoli e di essere “piccoli e flessibili e a quella tradizione storico – economica e socio culturale tipicamente italiana che affonda le sue radici nel Rinascimento”.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©