Istruzione e lavoro / Università

Commenta Stampa

Nasce il Centro di Apprendimento Permanente alla Sun


Nasce il Centro di Apprendimento Permanente alla Sun
29/11/2012, 16:10

Sviluppo e gestione dei progetti e delle ricerche sui temi del Lifelong Learning e della Formazione continua. Nasce il Centro di Apprendimento Permanente della Seconda Università degli Studi di Napoli, che sarà presentato domani, 30 novembre, alle ore 9, nell’Aula Magna del Complesso Universitario di Viale Ellittico a Caserta. Un Centro, diretto da Antonio D’Onofrio, docente della Sun, che agisce con compiti di natura progettuale ed organizzativa, con una struttura ed una sede dedicata, curando le diverse fasi progettuali, fino all’implementazione delle attività.

Da tempo Parlamento e Commissione europea hanno individuato nel Lifelong Learning una priorità dei sistemi formativi mettendo al centro delle proprie politiche e attività programmatiche il tema dell’Apprendimento permanente. Ricorrendo al patrimonio scientifico e professionale dell’Ateneo, il CAP è in grado di offrire proposte e metodologie innovative, che vanno dallo sviluppo di ricerche e strumenti specifici alla realizzazione di progetti e attività formative. Esso collabora con Ministeri, Enti locali, Aziende, ASL, Uffici scolastici, Associazioni di categoria, Enti di formazione e del Terzo settore. Lo sviluppo di iniziative condivise ed integrate fra i diversi attori implicati è ragione fondante del Centro.

“Il Centro per l’Apprendimento Permanente della Seconda Università di Napoli – spiega Antonio D’Onofrio, Direttore del CAP -  rappresenta il “lascito ideale” del compianto Bruno Schettini, pedagogo appassionato e di elevato valore scientifico. Esso si pone, secondo la concezione di. Schettini, come “cerniera” fra i saperi e le competenze dell’Ateneo e le esigenze di formazione continua della multiforme e cangiante società dei nostri giorni attraverso l’interazione e collaborazione con associazioni di cittadini, enti ed istituzioni locali e l’insieme delle realtà produttive operanti sul nostro territorio “.

Tra gli obiettivi del Centro ci sono la definizione di politiche e strategie innovative sui temi del Lifelong learning e della formazione continua, la costruzione di uno spazio regionale condiviso di Lifelong learning, nell’ottica del lavoro di rete e nel rispetto delle specifiche competenze, l’investimento nell’Istruzione superiore, la crescita culturale, sociale e lavorativa del territorio, l’innalzamento dei livelli di istruzione in Terra di lavoro e concorrere all’esercizio del diritto di cittadinanza e all’autosviluppo delle comunità locali.

Ma il CAP ha anche finalità sulla ricerca. Il Centro mira infatti a realizzare una politica di educazione degli adulti su base regionale, a sviluppare un sistema di certificazione, validazione e accreditamento dei saperi, allo sviluppo di un portfolio delle competenze che integri il modello Tuning, a partecipare a reti nazionali e internazionali di ricerca, allo sviluppo e integrazione della metodica del Bilancio delle competenze, alla ricerca e allo studio comparativo sui modelli di governance dell’EdA/LLL in Europa ed in alcuni Paesi del bacino del mediterraneo, alla ricerca e studio a supporto di reti fra Centri Provinciali di istruzione degli Adulti per la sperimentazione di modalità didattiche innovative e infine alla ricerca e studio sulle principali cause di abbandono scolastico e universitario in Terra di lavoro.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©