Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

NUORO: TROPPO BASSA PER LAVORARE, AL NEGOZIO DI SCARPE SERVONO VELINE?


NUORO: TROPPO BASSA PER LAVORARE, AL NEGOZIO DI SCARPE SERVONO VELINE?
29/04/2008, 19:04

Cronache dal mondo del lavoro. Troppo bassa, quindi non può lavorare. L’impietosa “sentenza” di vari datori di lavoro si abbatte su Chiara. Ragazza di 21 anni, un diploma all'istituto Professionale Marittimo, diversi stage in alcune compagnie navali anche importanti.

Ma la sua altezza, 1,41 cm, sembrava una condanna. Come barista o come commessa il “no” del proprietario era una costante.

Chiara, di Siniscola in provincia di Nuoro, ha deciso di denunciare le discriminazioni subite. E così è arrivata presto una prima offerta di lavoro.

“Mi è capitato decine di volte - racconta all’Adnkronos - di non essere presa in un posto di lavoro perché vengo giudicata troppo bassa. E’ molto frustrante, troppo”.

L'ultima volta si è presentata in un negozio di scarpe del suo paese, dove cercavano una commessa. “La titolare - racconta - mi ha guardato per bene e poi, davanti a tutti i clienti presenti nel negozio, mi ha detto che non sarei nemmeno arrivata agli scaffali”. Qualche giorno prima stessa scena nel bar di una vicina località turistica.


E stesso trattamento, circa un mese fa, in un panificio del paese.

'”Sono molto demoralizzata - conclude Chiara - La mia statura sta diventando un’ossessione. Mi sento discriminata. Se non mi prendessero a lavorare perché non sono capace non starei di certo a rimuginare. Dovrebbero almeno prendermi per un prova e poi vedere se sono in grado di svolgere il mio compito o meno, e dopo decidere”. E Chiara non sarebbe l'unica ad essere discriminata per l'altezza. '”Molte mie amiche - denuncia - hanno il mio stesso problema e sono costrette ad emigrare per trovare lavoro”.

Un ristoratore della Maddalena ha però contattato la ragazza per offrirle un posto come cameriera.

Di Chiara si sono già interessati Provincia e Regione, con messaggi di vicinanza da parte di consiglieri regionali ed esponenti delle istituzioni.
 

Commenta Stampa
di Giulio d'Andrea
Riproduzione riservata ©