Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Nuove iniziative di cooperazione tra la Campania e la Tunisia


Nuove iniziative di cooperazione tra la Campania e la Tunisia
18/04/2012, 10:04

Martedì 17 aprile 2012 in via marina, 19c - Palazzo Armieri – Napoli si è tenuto un convegno sulle nuove possibili iniziative di cooperazione tra la Regione Campania e la Tunisia.

Presenti Sergio Vetrella Assessore Regione Campania, S.E. Naceur Mestiri Ambasciatore di Tunisia in Italia, ing. Giorgio Fiore Presidente Confindustria Campania, dott. Emilio Alfano Presidente Confapi, dr. Sergio Mazzarella, dr. fortunato polizio, ing. Sergio Negro ACAM, Min. Plen. Francesco Calogero - Regione Campania, ing. Michele Blasi, Banco di Napoli, ing. Hechmi Chatmen, delegato generale per l'italia della Fipa (Agenzia Tunisina per la promozione degli Investimenti Stranieri) dr. Giovanni Felice Di Prisco - Consulente Consolato di Tunisia di Napoli, avv. Maurizio Conte - Consulente Consolato di Tunisia di Napoli, dr.ssa Fiorella Ciullo - Regione Campania.

Questo tipo di eventi rafforzano i rapporti tra i popoli del Nord e i popoli del Sud del Mediterraneo, ribadisce S.E. l’ Ambasciatore di Tunisia Naceur Mestiri. In Tunisia sono presenti oltre 3.000 imprese straniere tra cui 611 Imprese Italiane e 134 Imprese a partecipazione Italiana. L’ Italia è al secondo posto nell’interscambio commerciale e rappresenta il 25% degli investimenti esteri del territorio Tunisino. A livello di competitività mondiale la Tunisia è al 40° posto, ha una popolazione di circa 10 milioni di abitanti, il 48% della popolazione ha meno di 25 anni, il 38% della popolazione è connesso ad internet e su un bacino di 365.000 studenti il 61% sono ragazze. In Tunisia ci sono 9 Aeroporti e 7 porti marittimi e commerciali, 10 poli di competitività esistenti e 14 pianificati. La Tunisia è il secondo produttore di componenti auto in Africa è il 9° fornitore di componenti elettrici in Europa.

Per quello che riguarda gli investimenti esteri le incentivazioni non discriminano tra aziende Tunisine e aziende estere, i costi del personale variano tra i 200$/mese di un operaio ai $1.000/mese di un ingegnere. Il costo di un ufficio di Classe A nei Business Center è di $ 110/m2/Anno. Inoltre in Tunisia ci sono zone di interscambio attive sia verso la Libia che verso l’ Algeria.

All’evento, tra le imprese presenti, la SMS Engineering, che ha presentato al FIPA, l’attività di lavoro in Joint Venture già collaudata con le PMI ICT inglesi che operano in Italia utilizzando la struttura di Casalnuovo per la integrazione, installazione e manutenzione dei prodotti da loro realizzati soprattutto per il settore difesa. L’idea è quella di estendere la possibilità di operare sul nostro territorio anche alle PMI ICT dell’ Area MED, cercando di aprire il mercato italiano a soluzioni innovative che nascono su nicchie particolari e che attualmente vengono prodotte ed utilizzate solo nei paesi arabi. Il modello di partnership proposto dalla SMS Engineering è finalizzato a cogliere piccole opportunità sul mercato italiano, che trovano soluzione in tecnologie realizzate all’estero, ma che non giustificano investimenti da parte di questi operatori sul nostro territorio al fine di creare centri di distribuzione e assistenza.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©