Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

OMS: IL LAVORO PRECARIO NUOCE ALLA SALUTE


OMS: IL LAVORO PRECARIO NUOCE ALLA SALUTE
16/09/2008, 09:09

E' stato pubblicato in Canada un rapporto che dimostra come lavorare con un contratto precario e a basso salario (che sia un part-time o qualsiasi altra forma di precariato) rovina la salute dei lavoratori. Infatti l'incertezza, e spesso anche l'insalubrità dei luoghi di lavoro, porta ad un aumento delle malattie, con punte del +50% dei casi di cardiopatie e coronaropatie. Inoltra aumenta la possibilità di "annegare" i dispiaceri e la paura che si crea sul luogo di lavoro nell'alcool, nelle droghe o negli antidepressivi. E la situazione peggiora quando abbiamo Paesi come gli Stati Uniti, la Gran Bretagna o la Nuova Zelanda dove in pratica non esiste un sistema di welfare o di sanità pubblica; poichè i precari non possono spendere soldi per curarsi uno stato di ansia o cose del genere, perchè guadagnano troppo poco. E quindi il problema si accumula e si cronicizza, aumentando i rischi per la salute dei lavoratori.

Le soluzioni? Semplici ed ovvie: migliorare gli stipendi dei lavoratori e dare la sicurezza del posto di lavoro, finchè faranno il loro dovere. Ma questo è lontano anni luce sia dalle teorie economiche praticate, che prescrivono precariato e bassi salari come rimedio ad ogni male, sia dalle leggi che vengono attuate nella maggior parte dei Paesi occidentali. Per l'Italia, basta vedere che macello sociale ha combinato la legge Biagi...

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©