Istruzione e lavoro / Lavoro

Commenta Stampa

OPERAI TELECOM SCIOPERANO


OPERAI TELECOM SCIOPERANO
07/04/2008, 10:04

Il giorno 8 aprile si fermeranno i lavoratori del gruppo Telecom e dell´azienda Telecontact per uno sciopero nazionale. Lo dichiarano in una nota congiunta le segreterie nazionali di Slc-Cgil, Fistel-Cisl e Uilcom-Uil. Al centro dello sciopero di 4 ore per Telecom e 2 ore per Telecontact, proclamato dai sindacati, vi è la rivendicazione di un aumento del premio di risultato del 30% nel quadriennio, di 2 euro sui ticket restaurant e, per Telecontact, di un aumento delle ore di lavoro per i part-time (passando da 4 a 6 ore).
Lo sciopero segue l´interruzione della trattativa con Telecom, dopo che l´azienda aveva dato disponibilità ad un aumento massimo del 10% dei diversi importi economici e dopo che i budget di spesa per il 2008 erano già stati approvati per poter aumentare l´occupazione in Telecontact.

"L´azienda non può chiedere sacrifici ai lavoratori dopo che, per anni, i dipendenti di Telecom hanno mandato avanti l´impresa mentre i manager pensavano esclusivamente alla finanza. Ora - dichiarano i rappresentanti delle categorie - che il nuovo management dice di voler tornare ad occuparsi del core business dell´azienda e di voler investire sugli asset strategici, ci attendiamo un riconoscimento della principale risorsa che questa impresa ha: migliaia di tecnici, informatici, ricercatori, addetti ai servizi di customer".

Su Telecontact "è ora che l´azienda rispetti quanto più volte detto. Vi sono tutte le condizioni perché si dia dignità ad un lavoro che con 4 ore al giorno non permette di giungere ad un salario decente". In questo Paese, concludono i sindacati, "c´è un´emergenza salariale che necessita di una risposta a partire dalle grandi aziende: Telecom ha di fronte a sè una grande occasione. Dare un segnale ai propri dipendenti e dimostrare che si può scommettere sul futuro".

Dalle assemblee dei lavoratori della Campania grande sostegno allo sciopero indetto da SLC-CGIL, FISTEL-CISL e UILCOM-UIL.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©