Istruzione e lavoro / Università

Commenta Stampa

Ottava Conferenza Internazionale su Sicurezza e Crittografia per le Reti


Ottava Conferenza Internazionale su Sicurezza e Crittografia per le Reti
28/08/2012, 13:56

La sicurezza delle reti e la protezione delle informazioni riservate rivestono un ruolo fondamentale per lo sviluppo della comunicazione digitale ed in particolare per lo sviluppo di Internet.

La sempre più diffusa possibilità di accesso ad Internet espone gli utilizzatori ai rischi derivanti dall'uso fraudolento della rete. La crittografia è di fondamentale importanza nella lotta a reati informatici sulla rete ed è quindi lo strumento principale per garantire la sicurezza della rete.

 

La conferenza SCN ("Security and Cryptography for Networks" ), giunta all'ottava edizione, ha lo scopo di riunire esperti internazionali di crittografia e sicurezza delle reti per facilitare lo scambio di idee, rafforzare collaborazioni già esistenti e promuovere nuove sinergie, al fine di produrre soluzioni innovative.

 

Il programma della conferenza prevede 31 interventi su molti aspetti della crittografia e della sicurezza nelle reti di comunicazione. Inoltre ci saranno di due interventi su invito, uno del Prof. Yuval Hishai (Technion, Israel) e l'altro del Prof. Giuseppe Persiano (Università di Salerno), entrambi esperti internazionali nel campo della crittografia.

 

La conferenza si terrà ad Amalfi presso la sala IBSEN dal 5 al 7 settembre 2012 ed è sponsorizzata dal Dipartimento di Informatica dell'Università degli Studi di Salerno.

Il Dott. Ivan Visconti ed il Prof. Roberto De Prisco, entrambi afferenti al dipartimento di Informatica, sono, rispettivamente, i presidenti del comitato scientifico e del comitato organizzativo.

Altri docenti del dipartimento di Informatica dell'Università di Salerno, i Professori Carlo Blundo, Alfredo De Santis fanno parte del comitato di coordinamento della conferenza, mentre il Dott. Paolo D'Arco ed il Dott. Aniello Castiglione fanno parte del comitato di organizzazione locale.

 

Alla conferenza parteciperanno studiosi provenienti da tutto il mondo.

I partecipanti già iscritti provongono da Italia, Francia, Stati Uniti, Finlandia, Regno Unito, Svizzera, Giappone, Germania, Singapore, Corea, Estonia, Polonia, Svezia, Israele, Cina, Taiwan.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©