Istruzione e lavoro / Imprese

Commenta Stampa

Ovidio Mugnai confermato Presidente URBR


Ovidio Mugnai confermato Presidente URBR
08/04/2011, 11:04

Ovidio Mugnai dell’Hotel Villa Carlotta di Belgirate (Vb) è stato confermato alla Presidenza dell’Unione Ristoranti del Buon Ricordo. Vicepresidente è stato eletto Antonio Pagani del ristorante I 5 campanili di Busto Arsizio. Con loro, fanno parte del nuovo Direttivo Franco Marini del ristorante Là di Moret di Udine, Lucio Marangoni del ristorante Guaiane di Noventa di Piave (Ve), Aldo Morassutti del ristorante Da Toni di Gradiscutta di Varmo (Ud), Enzo Barbieri del Ristorante dell’Hotel Barbieri di Altomonte (Cs), Gabriele Carraro del ristorante Il Burchiello di Oriago di Mira (Ve), Carlo Bianconi del ristorante Granaro del Monte dal 1850 di Norcia (Pg), Genuino Del Duca del ristorante Enoteca del Duca di Volterra (Pi), Luciano Spigaroli del ristorante Al Cavallino Bianco di Badia Polesine (Pr), Luciano Scafà del ristorante Davide dal 1955 di Porto San Giorgio (Fm), Giuseppe Stancampiano del ristorante La Scuderia di Palermo, Paolo Teverini del ristorante Pret à Porter di Bagno di Romagna (Fc), Sergio Carboni della Locanda degli Artisti di Cappella de’ Picenardi (Cr), Sergio Mauri del ristorante La Rimessa di Mariano Comense (Co), Luigi Concutelli del ristorante Hotel Bassetto di Ferentino (Fr).

La nomina del nuovo Direttivo del sodalizio fra ristoratori più antico e più noto d’Italia (126 soci, 47 anni di vita) è avvenuta nel corso dell’Assemblea dell’associazione, svoltasi nel quadro dell’incontro annuale fra i soci ospitato sulla Riviera del Brenta: tre giornate intense di lavori, cibi raffinati, visite, organizzate sotto l’attenta regia della famiglia Carraro de Il Burchiello di Oriago di Mira, quartier generale dell’evento e insegna storica del Buon Ricordo. I ristoratori, sia insegne storiche che news entry, hanno ribadito l’orgoglio di appartenere ad un’associazione che, da sempre, è portabandiera della straordinaria varietà della cucina italiana, oggi come non mai fra le principali motivazioni di viaggio. Non solo, un’associazione che sta lavorando intensamente perché le evoluzioni, i cambiamenti, la creatività si sviluppino in modo corretto e coerente con la storia culturale dei nostri territori, con lo scopo di difendere e diffondere la ristorazione italiana di rigore e qualità, dentro e fuori i nostri confini.

Fra l’altro è stato deciso che, come avveniva nei primi tempi, la pietanza simbolo del locale sarà nuovamente servita nel piatto di ceramica che la rappresenta e che viene donato ai commensali, come “buon ricordo” di una piacevole esperienza culinaria. Dipinti a mano dagli artigiani di Vietri sul Mare con metodi tali da garantire la sicurezza alimentare, i piatti sono oggetto di collezionismo e, con i loro disegni naif e coloratissimi, abbelliscono le pareti di cucine e sale da pranzo di chi li raccoglie da anni con passione, nonché le sale di gran parte dei ristoranti dell’associazione : ora, si propone di riportarli al loro originario utilizzo, per imbandire tavole giovani e allegre all’insegna del creativo mosaico della cucina italiana.

La tre giorni della convention ha preso il via domenica 3 aprile, con l’arrivo dei partecipanti all’Hotel Il Burchiello e la successiva cena alla Trattoria all’Amelia di Mestre. Lunedì 4 aprile si è svolta nella storica cornice di villa Widmann Rezzonico Foscari l’assemblea, il cui pranzo è stato preparato dagli chef dei ristoranti il Burchiello di Oriago di Mira (Ve), Da Gigetto di Miane (Tv), Boccadoro di Noventa Padovana (Pd), Da Celeste di Venegazzù (Tv). La giornata si è conclusa con la Cena di Gala al Ristorante Il Burchiello: a cucinare, assieme agli chef del Burchiello, c’erano quelli di altri ristoranti del Veneto e del Trentino Alto Adige del Buon Ricordo: Gardesana di Torri del Benaco, Favorita di Venezia Lido, Guaiane di Noventa di Piave, Beppe Sello di Cortina, Fiaschetteria Toscana di Venezia. Per finire il Ristorante Gambrinus ha offerto il suo Elisir. Nel corso della serata è stato premiato uno dei soci storici del sodalizio, Gianni Carbone del ristorante Manuelina di Recco per il lusinghiero traguardo raggiunto dal suo ristorante, che conta ben 125 anni di attività, sempre con la gestione della medesima famiglia. Illustre il parterre di ospiti, fra cui il Presidente della Provincia di Venezia sig.ra Francesca Zaccariotto, il Questore di Venezia Fulvio Della Rocca, il Sindaco di Mira Michele Carpinetti, l'Assessore al Turismo di Venezia Roberto Panciera, il Presidente della Camera di Commercio di Venezia Giuseppe Fedalto, l'Assessore alle Politiche Sociali di Mira Margherita Gasparini, il Capo della Digos di Venezia col. Diego Parente, il Presidente Ass. Collezionisti dei Piatti del Buon Ricordo Eugenio Manzato, il Presidente della Confcommercio Regionale Servizi per l'impresa del Veneto Massimo Zanon.

La convention - realizzata con il Patrocinio del Comune di Mira e la collaborazione della Camera di Commercio di Venezia, dell’Amministrazione provinciale di Venezia/Villa Widmann Foscari e della Confcommercio Ascom Riviera del Brenta – si è conclusa il 5 aprile con una visita al Museo della calzatura di Strà e con un brindisi di arrivederci a base di bollicine tutte venete a cura del Ristorante La Bulesca di Rubano.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©