Istruzione e lavoro / Scuola

Commenta Stampa

Palmieri: "Fatiscenza scuole, no a lavori al ribasso della qualità"


Palmieri: 'Fatiscenza scuole, no a lavori al ribasso della qualità'
11/11/2009, 16:11


NAPOLI - Il consigliere comunale del Nuovo Psi al Comune di Napoli Domenico Palmieri ha rilasciato la seguente dichiarazione: “La decisione, per altro non nuova in altre Municipalità, del consiglio municipale del Vomero di stanziare risorse straordinarie per fronteggiare lavori urgenti in alcune scuole potrebbe sembrare a prima vista una buona notizia. Invece, lo è solo in parte. Quelle risorse, appena 60mila euro, sono infatti i proventi dei ribassi di gare a base d’asta già appaltate e destinate alla realizzazione di opere da eseguire o eseguite nei plessi scolastici del quartiere. Ribassi sottoscritti dalle imprese che, come ben sappiamo, spesso si traducono nel ‘ribasso’ della qualità dei lavori stessi. Una questione, questa, che ritroviamo puntualmente nella realizzazione di tantissime opere pubbliche sulla cui qualità è superfluo aggiungere altro. Tuttavia, al di là di storie di buche e rattoppi quotidiani, il grave processo di decadenza che vede protagonisti i nostri plessi scolastici richiede un impegno straordinario dell’amministrazione comunale. Ci sono scuole infatti che, sebbene abbiano inoltrato tanto al Comune quanto alle Municipalità formale richiesta di interventi importanti, a volte urgenti, non riescono in alcun modo ad accendere la sensibilità delle istituzioni locali che, spesso, anche per la nota carenza di fondi, sono costrette a dare risposte, intanto parziali, a chi alza di più la voce. Ma realtà come quella dei plessi dell’76esimo Circolo Mastriani di via Poggioreale dove ancora perdurano ha gravi infiltrazioni d’acqua nei solai o del l’Istituto Comprensivo Nevio-Cinquegrana di via Caravaggio a Fuorigrotta che di problemi seri ne ha più d’uno, che non possono attendere né contentarsi di risposte parziali e sporadiche. Realtà, ancora, come il Bonghi di Gianturco o la Poerio di Via Settembrini, i cui alunni sono attualmente ospitati presso l’Ic Casanova ,ed altre che vedono spesso i dirigenti scolastici combattere contro i mulini a vento di amministrazioni comunali e municipali quasi sempre immobili o che, se spendono, spendono male. Nei prossimi giorni impegnerò l’assessore all’edilizia scolastica perché venga realizzato un monitoraggio compiuto delle emergenze strutturali e logistiche delle scuole di competenza comunale per avviare una programmazione complessiva, Municipalità per Municipalità, quanto meno degli interventi più urgenti”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©